Virgilio, Eneide: Libro 06 - L’OMBRA SFIGURATA DI DEIFOBO

Virgilio, Eneide: Libro 06 - L’OMBRA SFIGURATA DI DEIFOBO

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 06 - L’OMBRA SFIGURATA DI DEIFOBO

Atque hic Priamiden laniatum corpore toto Deiphobum uidet et lacerum crudeliter ora, ora manusque ambas, populataque tempora raptis auribus et truncas inhonesto uulnere naris Proprio qui vede il priamide Deifobo, dilaniatoin tutto il corpo, crudelmente lacero in volto, in volto ed ambe le mani, le tempia devastate, le orecchie strappate, le narici toncate da orribile ferita
vix adeo agnouit pauitantem ac dira tegentem supplicia, et notis compellat vocibus ultro: 'Deiphobe armipotens, genus alto a sanguine Teucri, quis tam crudelis optauit sumere poenas A stento così lo riconobbe tremante e che copriva i crudeli supplizi, poi lo chiama con chiare parole: Deifobo potente in armi, prole della grande stirpe di Teucro,chi tanto crudele volle vendicarsi
cui tantum de te licuit A chi fu possibile così tanto su di te
mihi fama suprema nocte tulit fessum vasta te caede Pelasgum procubuisse super confusae stragis aceruum La fama mi riferì che nell'ultima notte tu stanco per la grande strage di Pelasgi, cadesti sopra il cumulo di confuso massacro
tunc egomet tumulum Rhoeteo in litore inanem constitui et magna manis ter voce vocavi Allora io sul lido reteo ti feci un tumulo vuoto e per tre volte chiamai a gran voce i Mani
nomen et arma locum servant; te, amice, nequivi conspicere et patria decedens ponere terra' Il nome e le armi custodiscono il posto: Non potei vedere te, amico, e porti nella terra patria, partendo
ad quae Priamides: 'nihil o tibi, amice, relictum; omnia Deiphobo soluisti et funeris umbris A ciò il priamide:Ah, nulla fu tralasciato da te, amico, tutto hai assolto per Deifobo e per le ombre di morte
sed me fata mea et scelus exitiale Lacaenae his mersere malis; illa haec monimenta reliquit I miei fati ed il mortale delitto della Spartana mi immersero in questi mali: ella mi lasciò questi ricordi
namque ut supremam falsa inter gaudia noctem egerimus, nosti: et nimium meminisse necesse est Tu sai comme passammo tra false gioie l'ultima notte, è necessario purtroppo ricordare
cum fatalis equus saltu super ardua venit Pergama et armatum peditem grauis attulit alvo, illa chorum simulans evhantis orgia circum ducebat Phrygias; flammam media ipsa tenebat ingentem et summa Danaos ex arce vocabat Quando il cavallo fatale giunse a salti sopra Pergamo e gravido portò in grembo la fanteria armata, ella, simulando una danza, portava in giro le frigie inneggianti i riti; lei in mezzo teneva una fiaccola enorme e chiamava i Danai dall'alta rocca

Notifications