Virgilio, Eneide: Libro 03 - L’ORACOLO DI APOLLO

Virgilio, Eneide: Libro 03 - L’ORACOLO DI APOLLO

Latino: dall'autore Virgilio, opera Eneide parte Libro 03 - L’ORACOLO DI APOLLO

Inde ubi prima fides pelago, placataque venti dant maria et lenis crepitans vocat Auster in altum, deducunt socii navis et litora complent; provehimur portu terraeque urbesque recedunt Poi quando c'è la prima fiducia nel mare ed i ventirendono le acque placate ed il leggero Austro crepitando invita al largo, i compagni traggono le navi e riempion le spiagge; vi allontaniamo dal porto e terre e città si ritirano
sacra mari colitur medio gratissima tellus Nereidum matri et Neptuno Aegaeo, quam pius arquitenens oras et litora circum errantem Mycono e celsa Gyaroque revinxit, immotamque coli dedit et contemnere ventos In mezzo al mare è abitata una terra sacra molto gradita alla madre delle Nereidi ed a Nettuno egeo, che il pio arcotenente legò a Micono, poichè errava attorno a lidi e spiagge dall'alta Giaro, concesse che immobile fosse coltivata e disprezzasse i venti
huc feror, haec fessos tuto placidissima portu accipit; egressi veneramur Apollinis urbem Qui son portato, questa placidissima ci accolse stanchi nel porto sicuro; usciti veneriamo la città di Apollo
Maybe you might be interested
rex Anius, rex idem hominum Phoebique sacerdos, vittis et sacra redimitus tempora lauro occurrit; veterem Anchisen agnovit amicum Il re Anio, lo stesso re di persone e sacerdote di Febo, coronato le sacre tempia di bende e d'alloro accorre; riconobbe il vecchio amico Anchise
iungimus hospitio dextras et tecta subimus Giungiamo le destre per l'ospitalità ed entriam nelle case
Maybe you might be interested
Templa dei saxo venerabar structa vetusto: 'da propriam, Thymbraee, domum; da moenia fessis et genus et mansuram urbem; serva altera Troiae Pergama, reliquias Danaum atque immitis Achilli Veneravo i templi del dio costruiti su antica roccia:Dà una casa propria, Timbreo; agli stanchi dà le mura e una stirpe e una città duratura; serba la seconda Pergamo diTroia, i resti dei Danai e del crudele Achille
quem sequimur Chi seguiamo
Maybe you might be interested
quove ire iubes o dove comandi d'andare
ubi ponere sedes dove porre le sedi
da, pater, augurium atque animis inlabere nostris Dà, padre, un presagio e penetra nei nostri cuori
Maybe you might be interested:
Virgilio, Eneide: Libro 04 - PREPARAZIONE DELLA MORTE
Virgilio, Eneide: Libro 07 - I LEGATI DAVANTI A RE LATINO
Virgilio, Eneide: Libro 06 - SUPERAMENTO DEL FIUME ACHERONTE
Virgilio, Eneide: Libro 09 - LE NAVI TROIANE TRAMUTATE
Virgilio, Eneide: Libro 07 - L’IRA SAZIATA DI GIUNONE