Ufficiale tedeschi cospirano contro Hitler

ufficiale tedeschi cospirano contro Hitler

Nel 1940 Hitler conquista la Francia e il suo potere è all'apice. In Germania un opposizione politica non riesce a formarsi ma molti cominciano a capire la follia del fuhrer e vogliono fermarlo. Vari attentati si organizzano, ma di questi, la storia ci consegnerà solo un elenco di fallimenti

Fu con la guerra dichiarata alla Russia che i detrattori di Hitler aumentarono e con il tempo si unirono in una organizzazione che cospirava per la sua morte. Per molti era l'unica soluzione per salvare la patria dall'infamia in cui si stava cacciando. Tra i molti sostenitori dell'eliminazione di Hitler c'erano varie cariche dello Stato maggiore e fra questi il colonnello  Henning Von Tresckow.

In quel periodo si stavano consumando al fronte orribili esecuzioni e gli ufficiali eseguivano ordini a dir poco orribili. Lo sterminio di massa fin dall'inizio della campagna in Russia, era una pratica consolidata. Lo stesso Von Tresckow un giorno assistette ad una fila di ebrei che venivano uccisi e cadevano in una fosse comune. Questo lo convinse che i nazisti dovevano andarsene per il bene della Germania. Cerca collaborazione tra qualche generale che possa pensarlo come lui ma rimane deluso dal comportamento tenuto dai suoi superiori. Partono molte denuncie di ufficiali tedeschi che non approvano gli ordini impartiti dall'alto e questo permette ai dissidenti di riunirsi e organizzarsi di nascosto.

il generale Henning Von Tresckow uno dei maggiori cospiratori dell'uccisione di Hitler il generale Henning Von Tresckow uno dei maggiori cospiratori dell’uccisione di Hitler

Nel 1942 è ormai chiaro che la guerra non può essere vinta dai tedeschi e a Stalingrado aumentano i soldati tedeschi morti invano. Ma nel Gennaio 1943 prima ancora degli ufficiali tedeschi, c'e' un altro tipo di opposizione che si sta formando contro Hitler. E' un movimento di resistenza formato da studenti universitari che vogliono far sentire la loro voce contro il cancelliere tedesco.

Il movimento si chiama Rosa Bianca e gli studenti condividono non solo interessi culturali ma anche politici. Protestano contro il sacrificio inutile dei soldati, scrivono volantini per svegliare la coscienza popolare. Lo fanno clandestinamente e incitano i giovani a lottare contro il nazismo. Il 18 febbraio 1943 i fratelli Scholl ed altri volontari vengono fermati in un ateneo mentre distribuiscono opuscoli informativi. Arrestati, in 6 vengono condatti a morte ( tra loro gli stessi Hans e Sophie Scholl ) mentre gli altri vanno in carcere. L'opposizione civile cresce, adesso serve anche quella militare

Maybe you might be interested
la ragionevole certezza che Hitler non si è suicidato

nel 2014 per ordine del presidente degli stati uniti sono state desecretate oltre 700 pagine di documenti del FBI le cui informazioni contrastano con ...

Nel marzo del 1943 Hitler annuncia che andrà verso est ad incontrare i generali al fronte russo. Von Tresckow non trovando sostegno tra i generali decide di escluderli dal progetto di uccidere il fuhrer. Si pensa di usare un esplosivo e di metterlo nell'aereo in cui viaggia. Ma ci sono altri pareri come l'ufficiale Fabian von Schlabrendorff che vuole sparare a Hitler e si esercita con bersagli mirando alla testa. E' convinto infatti che il bersaglio indosserà un giubbotto anti-proiettile. Il luogo sarà la mensa ufficiali. Nel piano è prevista anche l'uccisione di Heinrich Himmler ma scopriranno che del viaggio in aereo non faranno parte ne il capo delle S.S. ne Goebbels ministro della propaganda.

Senza Himmler, i cospiratori sono allarmati che alla morte di Hitler, questi possa scatenare una guerra interna tra Wehrmacht e S.S. e il maresciallo Von Kluge ( altro cospiratore ) preoccupato, blocca l'attentato. Niente pistola quindi si torna all'idea della bomba. L'idea è di metterla in un pacco regalo per un generale distaccato proprio dove è diretto Hitler e metterlo nella stiva. Se sembrerà un incidente in qualche modo, Himmler potrebbe convincersi della tesi della fatalità.

Il 13 marzo 1943 Fabian von Schlabrendorff piazza e innesca la bomba a orologeria. Non esploderà, probabilmente a causa delle basse temperature della stiva e Hitler arriva a destinazione sano, salvo e ignaro. Adesso Fabian von Schlabrendorff ha un altro problema, deve correre ad intercettare il pacco ed evitare che il generale destinatario aprendolo la faccia scoppiare. Ce la fa.

Henning Von Tresckow, che era divenuto generale,  si confida con il colonello Rudolf von Gersdorff che accetta  di partecipare al piano dei congiurati. Questi vola a Berlino dove il 21 marzo 1943 Hitler, per i festeggiamenti della giornata dell'eroe, inaugurerà una mostra. Quello sarà il luogo dell'attentato. Nei giorni di sopralluogo, il colonnello si accorge che la sicurezza e massima e non sa dove poter nascondere la bomba. Torna in albergo e la notte tra il 20 e il 21 marzo Fabian von Schlabrendorff lo raggiunge per consegnargli le bombe, sono due.

von Gersdorff è pronto a lasciarsi morire. Pensa di innescarle nel giubbotto e avvicinarsi a Hitler. Il giorno dopo così fa. Dopo il discorso del fuhrer nel museo attiva il detonatore e si avvicina a Hitler per descrivergli alcune opere. Questi non dimostra particolare interesse e dopo 2 minuti va via lasciando la sala. Lo scoppio è previsto dopo 6 minuti, ora il colonnello ha poco tempo per non lasciarsi saltare in aria invano. Corre in bagno e riesce a disinnescare la bomba. Sul fronte russo il generale Von Tresckow viene avvisato dell'ennesimo fallimento.

Maybe you might be interested
Hitler destituisce Heinrich Himmler

In patria Himmler recita il ruolo di ufficiale ligio al suo dovere, di patriota, di uomo fedele al fuhrer mentre in segreto cerca di stabilire contatt...

Autunno 1943 viene escogitato un nuovo piano. Presentare a Hitler le nuove uniformi dei soldati e mandare un ufficiale per la presentazione. Questi si occuperà di ucciderlo. Von Tresckow sceglie Axel Von Dem Bussche. Questi è un soldato pluridecorato che odia Hitler. Aveva assistito al massacro di innocenti a Dubno in Ucraina. Anche lui è deciso a farsi esplodere pur di uccidere Hitler. Stavolta la bomba deve esplodere dopo 4 secondi dall'innesco ma il 4 dicembre 1943 attacchi aerei degli alleati su Berlino distruggono il treno su cui viaggiavano le nuove uniformi. Hitler si rifugia a Obersalzberg la sua residenza alpina.

E' il turno di un giovane aiutante di un ufficiale che faceva visita spesso a Hitler. Il soldato si chiama Eberhard von Breitenbuch e Henning Von Tresckow conosce le sue idee politiche. Accetta di aiutare il generale ma non lasciandosi esplodere. Non è a suo agio con le bombe e preferisce la pistola. Il giorno 11 marzo 1944 con le 2 pistole, una di ordinanza e l'altra personale nascosta, si presenta ai controlli come al solito. Viene privato come solito della pistola d'ordinanza prima di entrare ma poi, senza spiegazioni gli viene impedito di entrare alla riunione e va via.

Non sappiamo quanti altri ci hanno provato ma tutti condivideranno il triste fallimento di non esserci riusciti.

il massacro nazista di innocenti a Dubno in Ucraina il massacro nazista di innocenti a Dubno in Ucraina
Maybe you might be interested
la ghigliottina di Johann Reichhart

ultimo grande boia dell'era moderna, la famiglia aveva una lunga tradizione di carnefici professionisti. Si dice abbia ucciso piu di 3000 persone con ...

Maybe you might be interested
l’architetto Albert Speer alla corte di Hitler

veniva da una famiglia borghese e scopre casualmente la figura di Adolph Hilter durante una manifestazione del partito nazista. Tenterà di rimodellar...

Maybe you might be interested
Il generale Heinz Guderian incontra un Hitler invecchiato

la Germania è attaccata dall'alto. Gli alleati bombardano ininterrottamente e fine luglio 1943 attaccano Amburgo