Terenzio, Phormio: Actus I, 179-230

Terenzio, Phormio: Actus I, 179-230

Latino: dall'autore Terenzio, opera Phormio parte Actus I, 179-230

Geta Antipho Phaedria GETA Nullus es, Geta, nisi iam aliquod tibi consilium celere reperis, ita nunc inparatum subito tanta te inpendent mala; [180] quae neque uti devitem scio neque quo modo me inde extraham, quae si non astu providentur me aut erum pessum dabunt; [181a] nam non potest celari nostra diutius iam audacia

ANTIPHO quid illic commotus venit

GETA tum temporis mihi punctum ad hanc rem est: erus adest

ANTIPHO quid illuc malist

GETA quod quom audierit, quod eiu' remedium inveniam iracundiae

[185] loquarne

incendam; taceam

instigem; purgem me

laterem lavem

heu me miserum

quom mihi paveo, tum Antipho me excruciat animi: eius me miseret, ei nunc timeo, is nunc me retinet: nam absque eo esset, recte ego mihi vidissem et senis essem ultus iracundiam: aliquid convasassem atque hinc me conicerem protinam in pedes
GETA ANTIFONE FEDRIA GETA (tra sé) Caro Geta, se non trovi al più presto un rimedio sei finito, tanto grandi sono i guai che incombono [180] d'un tratto sulla tua testa, quando non te l'aspettavi; e invece non so come evitarli, né come [181A] uscirne

Eppure, se non ci metto riparo con l'astuzia, io o il padroncino saremo rovinati, perché la nostra bravata non c'è più modo di nasconderla

ANTIFONE (a Fedria) Perché arriva tanto agitato

GETA (tra sé) E poi non c'è neppure un attimo per pensarci: il padrone è qui

ANTIFONE Che guaio è successo

GETA (tra sé) Quando verrà a saperlo, quale antidoto posso [185] trovare contro la sua collera

Parlargli

Prenderà fuoco; stare zitto

Pura provocazione; discolparmi

Tempo perso

Oh, povero me
[190] ANTIPHO quam hic fugam aut furtum parat

GETA sed ubi Antiphonem reperiam, aut qua quaerere insistam via

PHAEDRIA te nominat

ANTIPHO nescioquod magnum hoc nuntio exspecto malum

PHAEDRIA ah sanus es

GETA domum ire pergam: ibi plurimumst

PHAEDRIA revocemus hominem

ANTIPHO sta ilico

GETA hem [195] sati' pro imperio, quisquis es

ANTIPHO Geta

GETA ipsest quem volui obviam

ANTIPHO cedo quid portas, obsecro

atque id, si potes, verbo expedi

GETA faciam

ANTIPHO eloquere

GETA modo apud portum



ANTIPHO meumne

GETA intellexti

ANTIPHO occidi

PHAEDRIA hem



ANTIPHO quid agam

PHAEDRIA quid ais
Mentre tremo per me, sono in ansia per Antifone: ho compassione di lui, ora ho paura per lui, adesso è lui che mi trattiene qui; perché se non dovessi pensare a lui, ai fatti miei avrei già provveduto, e mi sarei già vendicato delle sfuriate del vecchio: avrei preparato il mio fagottino e me la sarei [190] svignata in un batter d'occhio

ANTIFONE (avendo percepito qualche parola del soliloquio di Geta) Quale fuga o furto sta preparando questo qui

GETA Ma dove posso trovare Antifone, o quale strada posso prendere per cercarlo

FEDRIA (ad Antifone) Parla di te

ANTIFONE (a Fedria) Chissà quale guaio viene ad annunciarmi

FEDRIA (ad Antifone) Ehi, sei impazzito

GETA Mi precipiterò a casa: la cosa più probabile è che sia lì

(si dirige verso la casa di Demifone) FEDRIA Chiamiamolo indietro

[195] ANTIFONE (a Geta) Fermo dove sei

GETA Ehi, piano coi comandi, chiunque tu sia

ANTIFONE Geta

GETA Ma guarda tu: è proprio la persona che volevo incontrare

ANTIFONE Dimmi, che notizie mi porti, di grazia

E, se ci riesci, dimmelo in due parole

GETA D'accordo

ANTIFONE Parla

GETA Or ora al porto

ANTIFONE Mio

GETA Hai capito

ANTIFONE Sono morto

FEDRIA Ehi





ANTIFONE Che posso fare
GETA huius patrem vidisse me et patruom tuom

ANTIPHO nam quod ego huic nunc subito exitio remedium inveniam miser

[200] quod si eo meae fortunae redeunt, Phanium, abs te ut distrahar, nullast mihi vita expetenda

GETA ergo istaec quom ita sunt, Antipho, tanto mage te advigilare aequomst: fortis fortuna adiuvat

ANTIPHO non sum apud me

GETA atqui opus est nunc quom maxume ut sis, Antipho; nam si senserit te timidum pater esse, arbitrabitur [205] commeruisse culpam

PHAEDRIA hoc verumst

ANTIPHO non possum inmutarier

GETA quid faceres si aliud quid graviu' tibi nunc faciundum foret

ANTIPHO quom hoc non possum, illud minu' possem

GETA hoc nil est, Phaedria: ilicet

quid hic conterimus operam frustra

quin abeo

PHAEDRIA et quidem ego

ANTIPHO obsecro, quid si adsimulo

satinest

GETA garris

ANTIPHO voltum contemplamini: em [210] satine sic est

GETA non
FEDRIA (a Geta) Che c'è

GETA C'è che ho visto suo padre, cioè tuo zio

ANTIFONE Che rimedio posso trovare adesso, poveretto me, [200] per questa botta in testa

Perché se la sorte vuole staccarmi da te, mia Fanio, non m'importa più vivere

GETA Se le cose stanno così, Antifone, allora tanto più devi stare all'erta: la fortuna aiuta i valorosi

ANTIFONE Non sono più padrone [205] di me

GETA Adesso, invece, devi esserlo più che mai, Antifone; perché se tuo padre si accorgerà che hai paura, penserà che sei in colpa

FEDRIA Questo è vero

ANTIFONE Non posso cambiare natura

GETA Ma che faresti, se dovessi assumere un atteggiamento ancora più deciso

ANTIFONE Se non riesco ad assumere questo, figurarsi con quello

GETA Niente da fare, Fedria, è chiaro

Perché perdiamo tempo inutilmente

Perché non me ne vado

FEDRIA E io allora

ANTIFONE Vi scongiuro, che succede se faccio finta di nulla

Basterà

[210] GETA Chiacchiere

ANTIFONE Guardatemi in viso; ecco, così è sufficiente
ANTIPHO quid si sic

GETA propemodum

ANTIPHO quid sic

GETA sat est: em istuc serva: et verbum verbo, par pari ut respondeas, ne te iratu' suis saevidicis dictis protelet

ANTIPHO scio

GETA vi coactum te esse invitum

PHAEDRIA lege, iudicio

GETA tenes

sed hic quis est senex quem video in ultima platea

ipsus est

[215] ANTIPHO non possum adesse

GETA ah quid agis

quo abis Antipho

mane inquam

ANTIPHO egomet me novi et peccatum meum: vobis commendo Phanium et vitam meam

PHAEDRIA Geta, quid nunc fiet

GETA tu iam litis audies; ego plectar pendens nisi quid me fefellerit

[220] sed quod modo hic nos Antiphonem monuimus, id nosmet ipsos facere oportet, Phaedria

PHAEDRIA aufer mi "oportet": quin tu quid faciam impera
GETA No

ANTIFONE E così

GETA Quasi

ANTIFONE E così

GETA Può bastare: ecco, conserva questo atteggiamento e vedi di rispondere a tono, da pari a pari, perché in preda all'ira non ti travolga solo con le rampogne

ANTIFONE Ho capito

GETA Che tuo malgrado sei stato costretto per forza

FEDRIA dalle leggi, dal tribunale

GETA Hai capito

(scorge Demifone che si sta avvicinando) Ma chi è quel vecchio che scorgo là, in fondo alla piazza

[215] È proprio lui

ANTIFONE Non ce la faccio a restare

GETA Ehi, che fai, dove vai, Antifone

Fermo, ti dico

ANTIFONE Io conosco me stesso e la mia colpa: vi raccomando Fanio e la mia vita

(esce di corsa) FEDRIA E ora che succederà, Geta

GETA Sentirai gridare; io, salvo errori, verrò appeso e fustigato

[220] Ma quel che consigliavamo adesso ad Antifone dovremmo farlo noi, Fedria

FEDRIA Per me togli pure quel «dovremmo»: ordina piuttosto quel che vuoi che faccia GETA Ti ricordi quali erano le vostre scuse per coprire le vostre colpe, quando la faccenda ebbe inizio
GETA meministin olim ut fuerit vostra oratio in re incipiunda ad defendendam noxiam,[225] iustam illam causam facilem vincibilem optumam

PHAEDRIA memini

GETA em nunc ipsast opus ea aut, siquid potest, meliore et callidiore

PHAEDRIA fiet sedulo

GETA nunc prior adito tu, ego in insidiis hic ero succenturiatu', siquid deficias

PHAEDRIA age

[230]
Che quella [225] dell'avversario era una causa giusta, facile, che poteva vincerla a mani basse

FEDRIA Me ne ricordo

GETA Ecco, adesso occorre ripetere proprio quelle scuse, se possibile ancor meglio e con maggiore astuzia

FEDRIA Sarà fatto col massimo impegno

GETA Adesso va' avanti tu; io, se ti trovassi in difficoltà, sarò qui a tendere l'imboscata

FEDRIA Coraggio

[230]