Terenzio, Eunuchus: Actus I, 81-206

Terenzio, Eunuchus: Actus I, 81-206

Latino: dall'autore Terenzio, opera Eunuchus parte Actus I, 81-206

THAIS PHAEDRIA PARMENO THAIS Miseram me, vereor ne illud graviu' PHAEDRIA tulerit neve aliorsum atque ego feci acceperit, quod heri intro missu' non est

PHAEDRIA totus, Parmeno, tremo horreoque, postquam aspexi hanc

PARMENO bono animo es: accede ad ignem hunc, iam calesces plus satis

[85] THAIS quis hic loquitur

ehem tun hic eras, mi PHAEDRIA

quid hic stabas

quor non recta intro ibas

PARMENO ceterum de exclusione verbum nullum

THAIS quid taces

PHAEDRIA sane quia vero haec mihi patent semper fores aut quia sum apud te primu'

THAIS missa istaec face

[90] PHAEDRIA quid "missa"

o Thais, Thais, utinam esset mihi pars aequa amori' tecum ac pariter fieret, ut aut hoc tibi doleret itidem ut mihi dolet aut ego istuc abs te factum nihili penderem

THAIS ne crucia te obsecro, anime mi, mi PHAEDRIA
TAIDE FEDRIA PARMENONE TAIDE (a parte) Povera me, ho paura che Fedria se n'abbia avuto a male e abbia interpretato diversamente dalle mie intenzioni il fatto che ieri non l'ho lasciato entrare

FEDRIA Tremo tutto, Parmenone, e sono tutto un brivido da quando l'ho vista

PARMENONE Sta' calmo

Fatti sotto a quel fuoco e presto ti riscalderai, [85] quanto basta e avanza

TAIDE Chi parla qui

Ah, eri tu, mio caro Fedria

Perché te ne stavi fermo qui

Perché non sei entrato subito

PARMENONE (a parte)Però sul fatto che l'ha chiuso fuori, nemmeno una parola

TAIDE Perché te ne stai zitto

FEDRIA (con amara ironia) Sarà perché per me la tua porta è sempre aperta e io per te sono il primo

[90] TAIDE Smettila

FEDRIA Come "Smettila"

O Taide, Taide, magari il mio amore per te fosse uguale al tuo per me, così che tu ne soffrissi quanto soffro io, oppure di questa faccenda a me non importasse nulla
[95] non pol quo quemquam plus amem aut plus diligam eo feci; sed ita erat res, faciundum fuit

PARMENO credo, ut fit, misera prae amore exclusti hunc foras

THAIS sicin agi', Parmeno

age; sed huc qua gratia te accersi iussi, ausculta

PHAEDRIA fiat

THAIS dic mihi [100] hoc primum, potin est hic tacere

PARMENO egon

optume

verum heus tu, hac lege tibi meam adstringo fidem: quae vera audivi taceo et contineo optume; sin falsum aut vanum aut finctumst, continuo palamst: plenus rimarum sum, hac atque illac perfluo

[105] proin tu, taceri si vis, vera dicito

THAIS Samia mihi mater fuit: ea habitabat Rhodi

PARMENO potest taceri hoc

THAIS ibi tum matri parvolam puellam dono quidam mercator dedit ex Attica hinc abreptam

PHAEDRIA civemne
TAIDE Non ti tormentare, te ne scongiuro, cuor mio, Fedria amato [95] Non l'ho fatto perché c'è qualcuno che amo o preferisco a te; ma le cose stavano così, dovevo farlo

PARMENONE Me lo immagino, poverina, come capita, l'hai chiuso fuori per amore



TAIDE La metti così, Parmenone

Fa' pure; (a Fedria) ma tu ascolta perché ti ho invitato a venire qui

FEDRIA Va bene [100] TAIDE Prima dimmi: costui saprà mantenere il silenzio

PARMENONE Io

Certamente

Però, senti bene, io ti prometto la mia lealtà a queste condizioni: se ascolterò la verità, tacerò e mi terrò tutto per me; ma se ascolterò bugie, frottole o menzogne, vuoterò subito il sacco

E sono un sacco pieno di buchi, perdo un po' di qui e un po' di là [105] Perciò, se vuoi che stia zitto, fuori la verità

TAIDE Mia madre era di Samo: viveva a Rodi

PARMENONE Su questo posso tener la bocca chiusa

TAIDE Proprio allora un mercante regalò a mia madre una bambina rapita di qui, dall'Attica

FEDRIA Una cittadina ateniese
THAIS arbitror; [110] certum non scimu': matri' nomen et patris dicebat ipsa: patriam et signa cetera neque scibat neque per aetatem etiam potis erat

mercator hoc addebat: e praedonibus, unde emerat, se audisse abreptam e Sunio

[115] mater ubi accepit, coepit studiose omnia docere, educere, ita uti si esset filia

sororem plerique esse credebant meam

ego cum illo, quocum tum uno rem habebam hospite, abii huc: qui mihi reliquit haec quae habeo omnia

[120] PARMENO utrumque hoc falsumst: effluet

THAIS qui istuc

PARMENO quia neque tu uno eras contenta neque solus dedit; nam hic quoque bonam magnamque partem ad te attulit

THAIS itast; sed sine me pervenire quo volo

interea miles qui me amare occeperat [125] in Cariamst profectu'; te interea loci cognovi
[110] TAIDE Credo di sì; non lo so per certo: quella diceva il nome della madre e del padre; della patria non sapeva nulla e d'altronde, data la sua età, non era in grado di fornire altri segni di riconoscimento

Il mercante aveva aggiunto che dai pirati, da cui l'aveva comprata, aveva sentito dire che l'avevano rapita al capo Sunion

[115] Mia madre, quando l'ebbe ricevuta, cominciò a insegnarle ogni cosa con amore, ad allevarla come se fosse sua figlia

I più credevano che fosse mia sorella

Quanto a me, me ne venni qui con un forestiero, l'unico con cui avessi una relazione allora, ed è stato lui a lasciarmi tutto quel che ho

[120] PARMENONE Queste sono due bugie: il sacco le perderà

TAIDE Perché dici questo

PARMENONE Perché a te uno solo non bastava e perché non è stato l'unico a farti regali; anche lui (indica Fedria) ti ha portato un bel po' di roba

TAIDE È vero; ma lasciami arrivare al punto che mi sta a cuore

Il soldato, che nel frattempo era diventato il mio [125] amante, partì per la Caria
tute scis postilla quam intumum habeam te et mea consilia ut tibi credam omnia

PHAEDRIA ne hoc quidem tacebit Parmeno

PARMENO oh dubiumne id est

THAIS hoc agite, amabo

mater mea illic mortuast [130] nuper; eiu' frater aliquantum ad remst avidior

is ubi esse hanc forma videt honesta virginem et fidibu' scire, pretium sperans ilico producit, vendit

forte fortuna adfuit hic meus amicus: emit eam dono mihi [135] inprudens harum rerum ignaru'que omnium

is venit: postquam sensit me tecum quoque rem habere, fingit causas ne det sedulo: ait, si fidem habeat se iri praepositum tibi apud me, ac non id metuat, ne, ubi acceperim,[140] sese relinquam, velle se illam mihi dare; verum id vereri

sed ego quantum suspicor, ad virginem animum adiecit

PHAEDRIA etiamne amplius

THAIS nil; nam quaesivi
Frattanto ho conosciuto te e tu sai bene quanto intimo io ti consideri da quel momento e come ti confidi ogni mio pensiero

FEDRIA Neppure su questo Parmenone potrà tenere la bocca chiusa

PARMENONE C'è forse da dubitarne

TAIDE Fate un po' di attenzione, ve ne prego

Mia madre è [130] morta laggiù poco tempo fa; ha un fratello piuttosto attaccato al denaro

Costui, come vede quella bella ragazza e sa che suona la cetra, nella speranza di cavarne una bella sommetta la mette subito all'asta e la vende

Il caso vuole che capitasse lì il mio amico: la [135] comprò per farmene un dono, senza sapere proprio nulla di tutta la faccenda

Arrivato qui, come ha saputo che avevo una relazione con te, ha trovato mille pretesti per non darmela: dice che se avrà la sicurezza che io lo preferirò a te e non dovrà temere che, avuta la [140] ragazza, io lo pianti, me la donerà; ma per adesso non si fida

Io però ho il sospetto che abbia messo gli occhi sulla ragazza

FEDRIA Si sarà mica spinto più in là

TAIDE No; ho fatto le mie indagini, mio caro Fedria
nunc ego eam, mi PHAEDRIA , multae sunt causae quam ob rem cupio abducere: [145] primum quod soror est dicta; praeterea ut suis restituam ac reddam

sola sum; habeo hic neminem neque amicum neque cognatum: quam ob rem, PHAEDRIA , cupio aliquos parere amicos beneficio meo

id amabo adiuta me, quo id fiat facilius: [150] sine illum priores partis hosce aliquot dies apud me habere

nil respondes

PHAEDRIA pessuma, egon quicquam cum istis factis tibi respondeam

PARMENO eu noster, laudo: tandem perdoluit: vir es

PHAEDRIA aut ego nescibam quorsum tu ires

"parvola [155] hinc est abrepta; eduxit mater pro sua; soror dictast; cupio abducere, ut reddam suis": nempe omnia haec nunc verba huc redeunt denique: ego excludor, ille

recipitur

qua gratia
Ho molti motivi per desiderare di portargliela via: prima di [145] tutto perché la gente dice che è mia sorella; poi per restituirla ai genitori

Io sono sola; qui non ho né amici, né parenti: è per questo che desidero procurarmi qualche amicizia, Fedria

Dammi una mano, ti prego, e aiutami: lascia che in questi giorni sia lui ad avere la precedenza con me [150] Non mi rispondi

FEDRIA Disgraziata

Di fronte a un atteggiamento simile dovrei forse risponderti qualcosa

PARMENONE Bene ragazzo mio, mi compiaccio: finalmente sei punto sul vivo: sei un vero uomo

FEDRIA E non sapevo forse dove saresti andata a parare

[155] (facendole il verso) "Fu rapita da qui che era una bambina; mia madre l'allevò come sua; dicevano che era mia sorella; desidero sottrargliela per restituirla ai genitori: alla fine tutti questi bei discorsi portano a una conclusione: io vengo lasciato fuori della porta, lui



viene accolto in casa; perché
nisi si illum plus amas quam me et istam nunc times [160] quae advectast ne illum talem praeripiat tibi

THAIS egon id timeo

PHAEDRIA quid te ergo aliud sollicitat

cedo

num solus ille dona dat

num ubi meam benignitatem sensisti in te claudier

nonne ubi mi dixti cupere te ex Aethiopia [165] ancillulam, relictis rebus omnibus quaesivi

porro eunuchum dixti velle te, quia solae utuntur is reginae; repperi, heri minas viginti pro ambobus dedi

tamen contemptus abs te haec habui in memoria: [170] ob haec facta abs te spernor

THAIS quid istic, PHAEDRIA

quamquam illam cupio abducere atque hac re arbitror id fieri posse maxume, verum tamen potius quam te inimicum habeam, faciam ut iusseris

PHAEDRIA utinam istuc verbum ex animo ac vere diceres [175] "potius quam te inimicum habeam"
Solo perché ami più lui [160] di me e adesso hai paura che questa ragazza, che si è tirato dietro, te lo porti via

TAIDE Ah, è di questo che avrei paura

FEDRIA Ma che cos'altro ti preoccupa allora

Dimmelo

È forse il solo a farti doni

C'è stato un momento in cui hai avvertito che la mia generosità si stava esaurendo

Quando mi hai detto che desideravi una schiavetta etiope, [165] non ho lasciato ogni altra cosa per procurartela

Poi hai detto che volevi un eunuco perché ce li hanno solo le regine, e io te l'ho trovato; ieri ho sganciato venti mine per entrambi

Anche se tu mi trascuri, mi sono ricordato dei tuoi desideri: è per questo che mi tratti [170] a pesci in faccia

TAIDE Perché fai così, Fedria

Guarda, anche se desidero sottrargliela, la ragazza, anche se ritengo che questo sia il miglior modo per riuscirci, piuttosto che averti nemico, farò come vorrai tu

FEDRIA Magari questo «Piuttosto che averti nemico» lo [175] dicessi davvero e col cuore
si istuc crederem sincere dici, quidvis possem perpeti

PARMENO labascit victus uno verbo quam cito

THAIS ego non ex animo misera dico

quam ioco rem voluisti a me tandem, quin perfeceris

[180] ego impetrare nequeo hoc abs te, biduom saltem ut concedas solum

PHAEDRIA siquidem biduom: verum ne fiant isti viginti dies

THAIS profecto non plus biduom aut



PHAEDRIA "aut" nil moror

THAIS non fiet: hoc modo sine te exorem

PHAEDRIA scilicet [185] faciundumst quod vis

THAIS merito te amo, bene facis

PHAEDRIA rus ibo: ibi hoc me macerabo biduom

ita facere certumst: mos gerundust Thaidi

tu, Parmeno, huc fac illi adducantur

PARMENO maxume

PHAEDRIA in hoc biduom, Thais, vale

THAIS mi PHAEDRIA , [190] et tu

numquid vis aliud

PHAEDRIA egone quid velim
Se potessi credere che parli sinceramente, riuscirei a sopportare qualsiasi torto

PARMENONE (a parte) Come ha fatto presto a mollare, una sola parola gli è bastata

TAIDE Povera me, non parlo forse col cuore

Ma c'è mai stata qualche cosa che tu abbia voluto da me, anche per capriccio, senza ottenerla

[180] E io non potrò chiederti che tu mi conceda soltanto due giorni

FEDRIA Purché siano davvero due giorni: bada che non diventino venti

TAIDE Ti assicuro non più di due giorni, altrimenti



FEDRIA Non voglio sentire «Altrimenti»

TAIDE Non c'è pericolo: lasciati convincere solo a questo

[185] FEDRIA Naturalmente faremo quel che vuoi tu

TAIDE Faccio bene ad amarti, buono come sei

FEDRIA Andrò in campagna; là starò due giorni a mangiarmi le mani

Ho deciso di fare così: bisogna accontentare Taide

Tu, Parmenone, fa' condurre qui quei due

PARMENONE Senz'altro

FEDRIA Per questi due giorni, ti saluto, Taide

[190] TAIDE Ti saluto anch'io, caro Fedria, desideri altro

FEDRIA Io

Cosa dovrei desiderare, io
cum milite istoc praesens absens ut sies; dies noctesque me ames, me desideres, me somnies, me exspectes, de me cogites, me speres, me te oblectes, mecum tota sis: [195] meu' fac sis postremo animu' quando ego sum tuos



THAIS me miseram, forsitan hic mihi parvam habeat fidem atque ex aliarum ingeniis nunc me iudicet

ego pol, quae mihi sum conscia, hoc certo scio neque me finxisse falsi quicquam neque meo [200] cordi esse quemquam cariorem hoc PHAEDRIA

et quidquid huiu' feci causa virginis feci; nam me eiu' fratrem spero propemodum iam repperisse, adulescentem adeo nobilem; et is hodie venturum ad me constituit domum

[205] concedam hinc intro atque exspectabo dum venit

Che con questo soldato maledetto tu, pur presente, in realtà non ci sia; che tu notte e giorno ami me, desideri me, sogni me, aspetti me, pensi a me, speri in me, ti diletti con me, sia interamente con me [195] Fa' in modo, insomma, di essere l'anima mia perché io sono tuo

(esce con Parmenone) TAIDE (sola) Povera me

Forse nutre scarsa fiducia in me e mi giudica sulla base delle altre

Ma io, miseria, in piena coscienza, so per certo di non aver detto bugie, e che [200] nessuno è più caro al mio cuore del mio Fedria, e che tutto quel che ho fatto l'ho fatto per la ragazza

Perché ho buone speranze di avere ormai trovato suo fratello, un giovane proprio bennato, che mi ha promesso di venire oggi a casa mia

Me ne andrò dentro e [205] aspetterò il suo arrivo

(rientra in casa)