Su rousseau si consuma l’ultima presa in giro della dirigenza nei confronti degli attivisti

su rousseau si consuma l’ultima presa in giro della dirigenza nei confronti degli attivisti

quesito tendenzioso, campagna per manipolazione del voto e mancanza di alternative. Gli altri partiti navigavano nella mediocrità da decenni, da oggi non si sentiranno più discriminati sapendo che non c'è un più quella differenza etica e morale tra noi e loro

Seguivo con interesse Enrica Sabatini lasciare dichiarazioni in televisione e dietro quel tentativo di imparzialità si celava il dispiacere per un quesito non all'altezza.

Alla domanda:

- il quesito è ben posto?

- si può sempre migliorare

Lei parla di spiegare cosa comporta votare il si oppure no e le conseguenze che scaturiranno.

Nel quesito io questo non l'ho visto e neanche la possibilità di allargare una scelta all'astensione solo perchè i dirigenti non volevano che gli iscritti votassero quella opzione. Già questo mi ha fatto girare ... avevo notato da qualche votazione che ci consultavano dopo e solo dopo aver la certezza ( non so come ) che la risposta sarebbe stata in linea con le loro volontà. Ero tentato nell'astermi ma questa ondata di "vota si" che mi impediva di scegliere in coscienza e tranquillità l'ho trovata fastidiosa e fortemente prevaricante.

Dopo due giorni e due notti in cui ho dormito poco e male, ho capito che dovevo votare no, perchè questa scelta era maturata nella mia testa. Non importa se giusta o sbagliata, l'importante è che sia stata adeguatamente vagliata nei pro e contro e non ci abbia messo superficialità nel dare il mio giudizio.

Ho capito, questa è almeno la mia opinione, per gli attuali vertici del movimento, la votazione su rousseau sta diventando più un problema che altro, quindi non mi stupirei se, nel tempo, a piena maturazione di questa consapevolezza, arriveremo a votare sempre di meno su queste situazioni. La delusione che provo è profonda vi anticipo che temo fortemente che arriverà anche la caduta del doppio mandato. Sarebbe la mazzata che mi manca anche se ci vorrà un pò perchè mi riprenda da questa.

La volontà popolare si è espressa e va bene così ma mi sono sentito manipolato, non era la prima volta. Ricordo i tempi in cui durante le regionali o amministrative i nostri rappresentati dicevano sempre "non diamo indicazioni di voto" quando nei ballottaggi eravano fuori dai giochi. Questo si verificava anche nelle questioni interne, la frase era sempre la stessa e la cosa mi rendeva fiero, perchè trovo sia giusto così. 

Ora Luigi Di Maio entra a gamba tesa in tutte le votazioni. Non nascondiamoci che ci sono persone, una piccola percentuale che non so quantificare, che non avendo le idee chiare, votano per come gli viene consigliato dalle persone di cui si fidano. Credo che in questa circostanza possiamo parlare in tutta tranquillità di un 5% almeno che Grillo, Conte e Di Maio hanno spostato, e credo sia un calcolo prudente

Maybe you might be interested

L'ulteriore presa in giro che ho subito è stata la scelta del ministero per la transizione ecologica. Creato solo per darmi il contentino, trattarmi come se non fossi capace di capire la situazione quindi se mi dai il biscotto me ne sto buono li a mangiarlo e ringraziarti. Una struttura esiste già oggi, certo non ci passano tutti i soldi che ci passeranno nei prossimi mesi ma era la svolta mediatica che serviva per convincere i meno informati. Che delusione anche questa.

Non sappiamo neanche chi ci andrà in quel ministero, Il si ha vinto un nome al buio. Se a posteriori non ci piace quel nome o come agisce?

Vito Crimi l'hanno presa abbastanza in giro per la composizione di quel messaggio. Io non mi aggregherò alla massa ma è stato formulato anche grammaticalmente male. La ciliegina che non ci voleva.

Andare compatti adesso? Lo spero anche se una dirigenza che ti prende in giro non è di buon auspicio. 

Un altra presa mastodontica per i fondelli? Crimi che dice che adesso tutti devono rispettare la volontà della base. Quale volontà quella che con fatica avete costruito ed ottenuto?

Crimi mi tolga una curiosità, si vocifera, ed io ne sono pienamente convinto, che anche se fosse arrivato il no dalla votazione, molti parlamentari avrebbero comunque votato la fiducia al governo Draghi.

Mi sta dicendo che se passava il no avreste davvero votato la sfiducia a Draghi?

Ecco mi risponda "si certo che l'avremmo fatto" e la presa in giro si è completata. Complimenti da oggi siamo ufficialmente entrati nella mediocrità più assoluta. Vi ci siete messi di impegno? Non lo so ma questo è il risultato. Gli altri partiti navigavano nella mediocrità da decenni, da oggi non si sentiranno più discriminati sapendo che non c'è un più quella differenza etica e morale tra noi e loro