Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XII

Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XII

#Propertius #elegiae
Postume, plorantem potuisti linquere Gallam, miles et Augusti fortia signa sequi O Postumo, hai potuto lasciare Galla implorante, e seguire da soldato le forti insegne di Augusto
tantine ulla fuit spoliati gloria Parthi, ne faceres Galla multa rogante tua Qualche gloria ci fu di tante spoglie di Parti, pur se la tua Galla chiedeva di non farne molte
si fas est, omnes pariter pereatis avari,[5] et quisquis fido praetulit arma toro Se è lecito, possiate morire tutti ugualmente, o avidi,[5] e chiunque preferisca le armi al talamo fedele
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro IV, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro IV, Elegia IX

tu tamen iniecta tectus, vesane, lacerna potabis galea fessus Araxis aquam Tuttavia tu, o folle, ricoperto col mantello gettato sulle spalle, berrai stanco l'acqua dell'Arasse dall'elmo
illa quidem interea fama tabescet inani, haec tua ne virtus fiat amara tibi,[10] neve tua Medae laetentur caede sagittae, ferreus aurato neu cataphractus equo, neve aliquid de te flendum referatur in urna: sic redeunt, illis qui cecidere locis Intanto quella si consuma per una notizia infondata, affinché questo tuo coraggio non diventi amaro per te, [10] né per la tua morte si allietino le frecce dei Medi, né corazzato di ferro sul cavallo dorato, né sia riportata in un'urna qualche lacrimevole resto di te: così tornano, quelli che caddero in quei luoghi
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia III

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia III

ter quater in casta felix, o Postume, Galla Felice tre e quattro volte, o Postumo, per la casta Galla
[15] moribus his alia coniuge dignus eras [15] Eri degno di un'altra sposa per questi costumi
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XV

quid faciet nullo munita puella timore, cum sit luxuriae Roma magistra suae Che farà una fanciulla non protetta da nessun timore, essendo Roma maestra della sua lussuria
sed securus eas: Gallam non munera vincent, duritiaeque tuae non erit illa memor Ma va' sicuro: i dona non piegheranno Galla, e quella non sarà memore della tua durezza
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 07

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 07

[20] nam quocumque die salvum te fata remittent, pendebit collo Galla pudica tuo [20] Infatti in qualunque giorno i fati ti riporteranno salvo, la pudica Galla penderà dal tuo collo
Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia IX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia IX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XXXI

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XXXI

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia XV

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro III, Elegia XV

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XIX

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro I, Elegia XIX

Maybe you might be interested
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia XVII

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro II, Elegia XVII