Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 05

Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 05

Latino: dall'autore Properzio, opera Elegie parte Libro 01, Elegia 05

Invide, tu tandem voces compesce molestas Et sine nos cursu, quo sumus, ire pares Risparmia, tieni a freno finalmente le voci moleste e lasciaci andare per la strada in cui siamo
Maybe you might be interested
Quid tibi vis, insane  Cosa vuoi, pazzo
Maybe you might be interested
meos sentire furores  Provare i miei furori
Maybe you might be interested
Infelix, properas ultima nosse mala Et miser ignotos vestigia ferre per ignes [5] Et bibere e tota toxica Thessalia Sventurato, ti affretti a conoscere gli estremi mali e infelice a muovere i passi attraverso fuochi nascosti [5] e a bere tutti i veleni della Tessaglia
Maybe you might be interested
Non est illa vagis similis collata puellis: Molliter irasci non solet illa tibi Essa non è simile, se la paragoni, alle fanciulle vaganti: non è solita adirarsi con te mollemente
Maybe you might be interested
Quod si forte tuis non est contraria votis, At tibi curarum milia quanta dabit Che se per caso non è contraria alle tue preghiere, allora quante migliaia di affanni ti procurerà
Maybe you might be interested
[10] Non tibi iam somnos non illa relinquet ocellos: Illa feros animis alligat una viros [10] Non ti lascerà più sonno negli occhi: quella è unica nell'avvincere gli uomini forti di animo
Maybe you might be interested
Ah, mea contemptus quotiens ad limina curres, Cum tibi singultu fortia verba cadent, Et tremulus maestis orietur fletibus horror, [15] Et timor informem ducet in ore notam, Et quaecumque voles fugient tibi verba querenti, Nec poteris, qui sis aut ibi, nosse miser, Tum grave servitium nostrae cogere puellae Discere et exclusum quid sit abire domum;[20] Nec iam pallorem totiens mirabere nostrum, Aut cur sim toto corpore nullus ego Ah, quante volte disprezzato correrai alla mia porta, quando fra i singhiozzi ti cadranno parole forti, e fra tristi pianti nascerà un tremulo brivido [15] e il timore t'imprimerà nel volto il deforme segno, e a te che ti lamenti mancheranno le parole, qualunque vorrai, né potrai sapere, misero, chi o dove tu sia, allora sarai costretto ad imparare quanto grave sia la servitù della mia fanciulla e che cosa sia tornare a casa dopo essere stato cacciato;[20] Né tante volte ti stupirai del mio pallore o perché in tutto il corpo io sia un nulla
Maybe you might be interested
Nec tibi nobilitas poterit succurrere amanti: Nescit Amor priscis cedere imaginibus Né ti potrà soccorrere la nobiltà dell'amante: Amore non sa cedere davanti alle immagini antiche
Maybe you might be interested
Quod si parva tuae dederis vestigia culpae, [25] Quam cito de tanto nomine rumor eris Che se darai un piccolo segno di colpa, [25] quanto presto sarai oggetto di chiacchiere di così gran nome
Following pages
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 09
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 09
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus IV, 679-722
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus IV, 679-722
Cicerone, Filippiche: 14; 26-30
Cicerone, Filippiche: 14; 26-30
Cicerone, Filippiche: 10; 06-10
Cicerone, Filippiche: 10; 06-10
Plauto, Aulularia: Actus II, 178-263
Plauto, Aulularia: Actus II, 178-263
Orazio, Epistole: Libro 01 - 18
Orazio, Epistole: Libro 01 - 18
Livio, Ab urbe condita: Libro 33; 26 - 49
Livio, Ab urbe condita: Libro 33; 26 - 49
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 02 - Parte 01
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 02 - Parte 01
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 10
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 10