We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 179-182

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 179-182

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 36, Paragrafi 179-182

[179] antiqua ratio erat columnarum altitudinis tertia pars latitudinum delubri [179] L'antica regola delle colonne era la terza parte dell'altezza della larghezza del tempio
in Ephesiae Dianae aede, quae prius fuit, primum columnis spirae subdiate et capitula addita, placuitque altitudinis octava pars in crassitudine et ut spirae haberent crassitudinis dimidium septimaeque partes detraherentur summarum crassitudine Nel tempio di Diana efesia, quello che fu il primo, per la prima volta messe spirali e aggiunti capitelli alle colonne, e piacque l'ottava parte dell'altezza nell'ampiezza e cosicchè le spirali avessero la metà dell'ampiezza e fossero detratte le settime parti dall'ampiezza delle sommità
praeter haec sunt quae vocantur Atticae columnae quaternis angulis, pari laterum intervallo Oltre a queste ci sono quelle che sono dette colonne attiche con quattro angoli, con uguale distanza dei lati
[180] Calcis et in medicina magnus usus [180] Grande l'uso della calce anche in medicina
eligitur recens nec aspersa aquis Si sceglie fresca e non cosparsa di acque
urit, discutit, extrahit incipientesque serpentium ulcerum impetus coercet; aceto et rosaceo mixto atque inlita, mox cera ac rosaceo temperata perducit ad cicatricem Brucia, dissolve, estrae e blocca le incipienti diffusioni delle ulcere che si diffondono; con aceto e olio di rosa mescolato e spalmata, stemperata poi con cera e olio di rosa porta alla cicatrizzazione
luxatis quoque cum liquida resina aut adipe suillo ex melle medetur, eadem compositione et strumis Con resina liquida o grasso suino con miele cura anche le lussazioni, con la stessa composizione anche per le scrofole
[181] Maltha e calce fit recenti [181] La malta si fa con la calce fresca
glaeba vino restinguitur, mox tunditur cum adipe suillo et fico, duplici lenimento Si spegne un blocco col vino, poi si pesta con grasso suino e fico, con duplice ammorbidimento
quae res omnium tenacissima et duritiam lapidis antecedens Questa sostanza la più tenace di tutte e che precede la durezza della pietra
Following pages
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 26, Paragrafi 95-106
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 26, Paragrafi 95-106
Cicerone, In Verrem: 02; 04-81-85
Cicerone, In Verrem: 02; 04-81-85
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 05-06 Parte 02
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 05-06 Parte 02
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 17, Paragrafi 191-197
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 17, Paragrafi 191-197
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 06, Paragrafi 154 - 204
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 06, Paragrafi 154 - 204
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 16-20
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 16-20
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 163-178
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 163-178
Cicerone, Filippiche: 08; 18-33
Cicerone, Filippiche: 08; 18-33
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 11-15
Cicerone, De Oratore: Libro 02; 11-15