We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 29, Paragrafi 81-84

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 29, Paragrafi 81-84

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 29, Paragrafi 81-84

[81] Auxiliatur contra serpentes et columbarum caro recens concerpta et hirundinum, bubonis pedes usti cum plumbagine herba [81] Contro i serpenti aiuta anche la carne fresca tagliata dei colombi e delle rondini, le zampe del gufo bruciate con l'erba plumbagine
nec omittam in hac quoque alite exemplum magicae vanitatis, quippe praeter reliqua portentosa mendacia cor eius inpositum mammae mulieris dormientis sinistrae tradunt efficere, ut omnia secreta pronuntiet; praeterea in pugnam ferentes id fortiores fieri Né tralascerò su questo uccello anche un esempio di magica falsità, poiché oltre le altre prodigiose menzogne tramandano che il suo cuore messo sopra la mammella sinistra di una donna che dorme fa'in modo, che riveli tutti i segreti; inoltre che rende più forti quelli che lo portano
[82] eiusdem ovo ad capillum remedia demonstrant [82] Ricavano rimedi per la capigliatura con il suo uovo
quis enim, quaeso, ovum bubonis umquam visere potuit, cum ipsam avem vidisse prodigium sit Infatti chi, chiedo, potè mai vedere un uovo di gufo, essendo un prodigio aver visto l'uccello stesso
quis utique experiri et praecipue in capillo Chi sperimentare poi e soprattutto sul capello
sanguine quidem pulli bubonis etiam crispari capillum promittunt Certo col sangue del piccolo del gufo promettono che il capello viene arricciato
[83] cuius generis prope videri possint quae tradunt et de vespertilione, si ter circumlatus domui vivus super fenestram inverso capite adfigatur, amuletum esse, privatimque ovilibus circumlatum totiens et pedibus suspensum super limen [83] Quasi di questo genere possono sembrare anche le cose che tramandano sul pipistrello, se portato in giro vivo tre volte in casa sia legato su una finestra col capo riverso, e in particolare che è un amuleto quello portato in giro per gli ovili tante volte ed appeso per le zampe sopra la soglia
sanguinem quoque eius cum carduo contra serpentium ictus inter praecipua laudant Elogiano anche il suo sangue col cardo contro le ferite dei serpenti tra le cose preminenti
[84] Phalangium est Italiae ignotum et plurium generum: unum simile formicae [84] Il falangio è sconosciuto all'Italia e di più generi: uno simile alla formica
sed multo maius, rufo capite, reliqua parte corporis nigra, albis guttis Ma molto più grande, con la testa rossiccia, nera la restante parte del corpo, con macchie bianche
Following pages
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 06, Paragrafi 131-153
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 06, Paragrafi 131-153
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 96 - 112
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 96 - 112
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 101-110
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 101-110
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 29, Paragrafi 10-15
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 29, Paragrafi 10-15
Seneca, Lettere a Lucilio: Libro 02 Parte 02
Seneca, Lettere a Lucilio: Libro 02 Parte 02
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 111-120
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 111-120
Orazio, Epistole: Libro 01 - A Tiberio Claudio Nerone
Orazio, Epistole: Libro 01 - A Tiberio Claudio Nerone
Cicerone, Pro Murena: 01; 61-65
Cicerone, Pro Murena: 01; 61-65
Cicerone, In Verrem: 02; 03-61-65
Cicerone, In Verrem: 02; 03-61-65