We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 151-160

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 24, Paragrafi 151-160

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 24, Paragrafi 151-160

[151] Est et aris, quae in eadem Aegypto nascitur, similis aro, minor tantum minoribusque foliis et utique radice, quae tamen olivae grandis magnitudinem inpleat, alba geminum caulem, altera unum tantum emittens [151] C'è anche l'ari, che nasce nell'Egitto stesso, simile all'aro, solo più piccolo e con foglie più piccole e sicuramente con la radice, che tuttavia riempie l'ampiezza di un'oliva grande, la bianca che emette due steli, l'altra uno solo
medetur utraque ulceribus manantibus, item ambustis ac fistulis collyrio inmisso Entrambe curano le ferite che spurgano, anche le bruciature e le fistole con collirio immesso
nomas sistunt inlitu decoctarum in aqua et postea tritarum rosaceo addito Fermano le piaghe con l'applicazione dei decotti in acqua e poi dei detriti con olio di rosa aggiunto
sed unum miraculum ingens, contacto genitali cuiusque feminini sexus animal in perniciem agi Ma una grande stranezza, che un animale qualunque di sesso femminile è portato alla morte con un contatto genitale
[152] Myriophyllon, quod nostri milifolium vocant, caulis est teneri, similis feniculo, plurimis foliis, unde et nomen accepit [152] Il miriofillo, che i nostri chiamano millefoglie, è di gambo tenero, simile al finocchio, con moltissime foglie, da cui ha preso anche il nome
nascitur in palustribus, magnifici usus ad vulnera cum aceto Nasce nei luoghi paludosi, di notevole uso con l'aceto per le ferite
bibitur ad difficultates urinae et vesicae aut suspiria praecipitatisque ex alto Si beve per le difficoltà dell'urina e della vescica o per le respirazioni e quelli caduti dall'alto
eadem efficacissima ad dentium dolores La stessa molto efficace per i dolori dei denti
Etruria hoc nomine appellat herbam in pratis tenuem, a lateribus capillamenti modo foliosam, eximii usus ad vulnera, boum nervos abscisos vomere solidari ea rursusque iungia addita axungia adfirmans L'Etruria chiama con questo nome una pianta sottile nei prati, cespugliosa ai lati al modo della capigliatura, di grande utilità per le ferite, affermando che i nervi dei buoi recisi dal vomere vengono rinforzati con essa e congiunti di nuovo con l'aggiunta di sugna
[153] Pseudobunion napi folia habet, fruticans palmi altitudine, laudatissima in Creta [153] Lo pseudobunio ha le foglie del navone, che germoglia con l'altezza di un palmo, molto apprezzato a Creta
Following pages
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 03; 194-217
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 03; 194-217
Terenzio, Hecyra: Prologus I
Terenzio, Hecyra: Prologus I
Cicerone, Pro Murena: 01; 46-50
Cicerone, Pro Murena: 01; 46-50
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 140-168
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 02, Paragrafi 140-168
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 04, Paragrafi 49-57
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 04, Paragrafi 49-57
Cicerone, In Verrem: 02; 05-66-72
Cicerone, In Verrem: 02; 05-66-72
Cicerone, In Verrem: 02; 02-76-78
Cicerone, In Verrem: 02; 02-76-78
Petronio, Satyricon: 16-30
Petronio, Satyricon: 16-30
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 09-10 Parte 03
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 09-10 Parte 03