Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 20, Paragrafi 222-230

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 20, Paragrafi 222-230

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 20, Paragrafi 222-230

[222] E contrario in magnis laudibus malva est utraque et sativa et silvestris [222] Al contrario la malva è in gradi apprezzamenti ed entrambe sia la coltivata sia la selvatica
duo genera earum amplitudine folii discernuntur Sono distinti due loro generi per la grandezza della foglia
maiorem Graeci malopen vocant in sativis, alteram ab emolliendo ventre dictam putant malachen I Greci chiamano malope la maggiore fra le coltivate, pensano che l'altra sia stata definita malache per il ventre che viene rilassato
at e silvestribus, cui grande folium et radices albae, althaea vocatur, ab excellentia effectus a quibusdam plistolochia Ma fra le selvatiche, è detta althea quella che ha foglia grande e radici bianche, da qualcuno plistolochia per l'eccellenza dell'effetto
[223] omne solum, in quo seruntur, pinguius faciunt [223] Rendono fertile ogni suolo, in cui sono piantate
contra omnes aculeatos ictus efficaces, praecipue scorpionum, vesparum similiumque et muris aranei Efficaci contro tutte le ferite da aculei, specie degli scorpioni, delle vespe e simili e del topo ragno
quin et trita cum oleo qualibet earum peruncti ante vel habentes eas non feriuntur Anzi quelli unti prima con qualsiasi di esse anche tritate anche con olio o che le indossano non sono feriti
folium inpositum scorpionibus torporem adfert La foglia messa sugli scorpioni porta il torpore
valent et contra psimithi venena Servono anche contro i veleni della biacca
aculeos omnes extrahunt inlitae crudae cum aphronitro, potae vero decoctae cum radice sua leporis marini venenum restingunt, ut quidam dicunt, si vomatur Spalmate crude con schiuma di salnitro estraggono tutti gli aculei, bevute invece bollite con la propria radice contrastano il veleno della lepre marina, come dicono alcuni, se si vomita
Following pages
Gellio, Notti attiche: Liber 16, 12-17
Gellio, Notti attiche: Liber 16, 12-17
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 04
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 09, 1.9
Vitruvio, De Architectura: Libro 05, 09, 1.9
Cicerone, De Finibus: Libro 03; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 03; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 05; 11-15
Cicerone, De Finibus: Libro 05; 11-15
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII
Properzio, Elegie: Libro I, Elegia XVIII
Gellio, Notti attiche: Liber 3, 1-3
Gellio, Notti attiche: Liber 3, 1-3
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 01; 230-273
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 01; 230-273
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 06 - 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 06 - 10