We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 15, Paragrafi 59-64

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 15, Paragrafi 59-64

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 15, Paragrafi 59-64

[59]In universum autem de pomis servandis praecipitur pomaria in loco frigido ac sicco contabulari, septentrionalibus fenestris sereno die patere, austros specularibus arcere, aquilonis quoque adflatu poma deturpante rugis [59] In genere poi per conservare i frutti è prescritto che i magazzini siano coperti di travi in un luogo fresco e asciutto, che si aprano con finestre a nord nella giornata serena, che si ostacolino i venti del sud con vetrate, anche se il soffio dell'aquilone rovina con le grinze i frutti
colligi mala post aequinoctium autumni neque ante XVI lunam neque ultra duodetricesimam, nec pluvio die neque ante primam horam; cadiva separari; stramentis solidis paleisve substerni, rara componi, uti limites pervii spiritum aequalem accipiant Che le mele siano raccolte dopo l'equinozio d'autunno e non prima della sedicesima luna né dopo la ventottesima, né in un giorno piovoso né prima della prima ora; che quelle cadute siano separate; siano stese su stuoie compatte o di paglia, siano sistemate sparse, affinché i passaggi aperti ricevano uguale aria
Amerina maxime durare, melimela minime Che soprattutto le amerine durano, affatto le melimele
[60]Cotoneis in concluso spiramentum omne adimendum aut incoqui melle ea mergive oportere [60] Che per le cotogne in un luogo chiuso è necessario per evitare ogni soffio o che esse siano cotte col miele o immerse
Punica aqua marina fervente indurari, mox triduo sole siccata ita ne nocturno rore contingantur suspendi et, cum libeat uti, aqua dulci perlui Che le puniche sono indurite con acqua di mare calda, poi seccate per tre giorni al sole e vengono appese perché non siano intaccate dalla rugiada notturna e, quando si vuole farne uso, sono lavate con acqua dolce
M M
Varro et in doliis harenae servari iubet; et inmatura obrui terra in ollis fundo effracto, sed spiritu excluso ac surculo pice inlito: sic etiam crescere amplitudine maiore quam possint in arbore Varrone prescrive che siano conservate in botti di sabbia; e acerbe siano coperte di terra in vasi col fondo bucato, ma dopo aver tolto l'aria e spalmato il picciolo di pece: crescere così anche con una grandezza maggiore di quanto possano sull'albero
cetera mala et foliis ficulnis, praeterquam cadivis, singula convolvi cistisque vitilibus condi vel creta figulinarum inlini Che le altre mele sono avvolte ciascuna anche con foglie di fico, eccetto quelle cadute, e sono conservate in ceste di vimini o sono spalmate con la creta dei vasai
[61]Pira in vasis fictilibus picatis inversis obrui scrobe [61] Che le pere in vasi di coccio spalmati di pece sono sotterrate in una buca
Tarentina serissima legi, Aniciana servari et in passo, sorva quoque et scrobibus gypsato operculo, duum pedum terra superiniecta, in loco aprico, inversis vasis, et in doliis ut uvas interque uvas cum ramis suspendi Che le tarentine sono raccolte molto tardi, le aniciane sono conservate anche nel passito, anche le sorbe nelle buche e con un coperchio di gesso, ricoperte di due piedi di terra, in un luogo soleggiato, in vasi capovolti, e sono sospese con i rami in botti come le uve e in mezzo alle uve
Following pages
Virgilio, Eneide: Libro 11 - CAMILLA FERITA DA ARRUNTE
Virgilio, Eneide: Libro 11 - CAMILLA FERITA DA ARRUNTE
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 96-116
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 36, Paragrafi 96-116
Cesare, De bello civili: Libro 03; 61-70
Cesare, De bello civili: Libro 03; 61-70
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 03-04 Parte 01
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 03-04 Parte 01
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 11 - 13
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 11 - 13
Lucrezio, De rerum natura: Libro 02
Lucrezio, De rerum natura: Libro 02
Cicerone, In Verrem: 02; 05-46-50
Cicerone, In Verrem: 02; 05-46-50
Livio, Ab urbe condita: Libro 22; 11-20
Livio, Ab urbe condita: Libro 22; 11-20
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus I, 53-174
Terenzio, Heauton timorumenos : Actus I, 53-174