We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 13, Paragrafi 72-80

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 13, Paragrafi 72-80

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 13, Paragrafi 72-80

[72] radicibus incolae pro ligno utuntur, nec ignis tantum gratia, sed ad alia quoque utensilia vasorum [72] Gli abitanti usano le radici come legname, non solo per il fuoco, ma anche per altri recipienti
ex ipso quidem papyro navigia texunt et e libro vela tegetesque, nec non et vestem, etiam stragula ac funes Dallo stesso papiro poi intrecciano barche e dalla corteccia vele e coperte, e addirittura la veste, anche tappeti e funi
mandunt quoque crudum decoctumque, sucum tantum devorantes Lo mangiano anche crudo e cotto, ingerendo solo il succo
[73] nascitur et in Syria circa quem odoratus ille calamus lacum, neque aliis usus est quam inde funibus rex Antigonus in navalibus rebus, nondum sparto communicato [73] In Siria intorno a quel lago nasce anche quella famosa canna aromatica, né il re Antigono usò altro che le funi di qui per le opere navali, poiché lo sparto non era ancora consueto
nuper et in Euphrate nascens circa Babylonem papyrum intellectum est eundem usum habere chartae; et tamen adhuc malunt Parthi vestibus litteras intexere Di recente si è saputo che un papiro che nasce lungo l'Eufrate vicino a Babilonia ha lo stesso uso per la carta; e tuttavia i Parti preferiscono ancora tessere le lettere sulle stoffe
[74] Praeparatur ex eo charta diviso acu in praetenues, sed quam latissimas philyras [74] Da esso diviso con l'ago viene preparata la carta in strisce molto sottili, ma quanto più larghe
principatus medio, atque inde scissurae ordine L'inizio dal centro, e poi in ordine di divisione
hieratica appellabatur antiquitus religiosis tantum voluminibus dicata, quae adulatione Augusti nominem accepit, sicut secunda Liviae a coniuge eius: ita descendit hieratica in tertium nomen Anticamente si chiamava ieratica quella destinata solo ai libri sacri, che prese per adulazione il nome di Augusto, come quella di seconda qualità (quello) di Livia dalla sua sposa: così il nome di ieratica è sceso al terzo posto
[75] proximum amphitheatriticae datum fuerat a confecturae loco; excipit hanc Romae Fanni sagax officina tenuatamque curiosa interpolatione principem fecit e plebeia et nomen et dedit; quae non esset ita recurata, in suo mansit amphitheatritica [75] Era stato dato il successivo (nome) di anfiteatrica dal luogo della produzione; a Roma l'attiva officina di Fannio la introdusse sottile e da comune la rese ragguardevole con attenta modifica e le diede anche il nome; quella che non era così migliorata, rimase col suo (nome) anfiteatrica
[76] post hanc Saitica ab oppido ubi maxima fertilitas, ex vilioribus ramentis, propiorque etiamnum cortici Taeneotica a vicino loco, pondere iam haec, non bonitate, venalis [76] Dopo questa la saitica dalla città dove (c'è) la massima produzione, con pezzetti meno pregiati, ed ancora da un luogo vicino la teneotica più vicina alla corteccia, questa ormai da vendere a peso, non per qualità
Following pages
Virgilio, Eneide: Libro 07 - IL RE LATINO E PORTENTI DIVINI
Virgilio, Eneide: Libro 07 - IL RE LATINO E PORTENTI DIVINI
Livio, Ab urbe condita: Libro 37; 11 - 15
Livio, Ab urbe condita: Libro 37; 11 - 15
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 05, Paragrafi 61-87
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 05, Paragrafi 61-87
Cicerone, De Natura deorum: Libro 02; 01-05
Cicerone, De Natura deorum: Libro 02; 01-05
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VII
Properzio, Elegie: Libro III, Elegia VII
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 11 - 15
Livio, Ab urbe condita: Libro 40; 11 - 15
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 96-100
Sallustio, Bellum Iugurthinum: Parte 96-100
Virgilio, Eneide: Libro 07 - INVOCAZIONE ALLA MUSA
Virgilio, Eneide: Libro 07 - INVOCAZIONE ALLA MUSA
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 38 - 40
Livio, Ab urbe condita: Libro 28; 38 - 40