Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 76-80

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 76-80

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 10, Paragrafi 76-80

#PlinyTheElder #naturalisHistoria
[76] Sed in secessu avium et noctuae paucis diebus latere traduntur, quarum genus in Creta insula non esse, etiam, si qua invecta sit, emori [76] Ma sul ritiro degli uccelli le civette sono descritte nascondersi per pochi giorni, il cui genere non esistere nell'isola di Creta, anzi, se qualcuna sia stata immessa, muore
nam haec quoque mira naturae differentia: alia aliis locis negat, tamquam genera frugum fruticumve, sic et animalium; non nasci tralaticium, invecta emori mirum Infatti anche questa una straordinaria differenza della natura: ad alcuni luoghi nega alcune cose, come generi di messi o di frutti, così anche di animali; normale non nascere, strano che le cose immesse muoiano
quod illud est unius generis saluti adversum, quaeve ista naturae invidia Che cosa è contraria alla salvezza di un solo genere, o che cosa questa intolleranza della natura
Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 28, Paragrafi 33-85

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 28, Paragrafi 33-85

aut qui terrarum dicti avibus termini O quali i confini delle terre assegnati agli uccelli
Rhodos aquilam non habet Rodi non ha l'aquila
Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 09, Paragrafi 35 - 36

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 09, Paragrafi 35 - 36

[77] Transpadana Italia iuxta Alpes Larium lacum appellat amoenum arbusto agro, ad quem ciconiae non permeant, sicuti nec octavum citra lapidem ab eo inmensa alioqui finitimo Insubrum tractu examina graculorum monedularum, cui soli avi furacitas argenti aurique praecipue mira est [77] L'Italia Transpadana chiama Lario un lago vicino alle Alpi bello per il territorio alberato, presso il quale non transitano le cicogne, come entro otto miglia da esso gli stormi di gazze del resto molto numerosi nel confinante territorio degli Insubri, per il cui solo uccello vi è particolarmente una straordinaria rapacità di argento e di oro
picus Martius in Tarentino agro negatur esse Il picchio di Marte si dice non esistere nel territorio tarantino
Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 26, Paragrafi 119-125

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 26, Paragrafi 119-125

[78] nuper et adhuc tamen rara ab Appennino ad urbem versus cerni coepere picarum genera, quae longa insignes cauda variae appellantur; proprium iis calvescere omnibus annis, cum serantur rapa [78] Recentemente e tuttavia ancora rari cominciarono ad essere visti dall'Appennino verso Roma tipi di gazze, che sono dette variegate notevoli per la lunga coda; caratteristico per queste diventare calve ogni anno, quando vengono seminate le rape
perdices non transvolant Boeotiae fines in Attica, nec ulla avis in Ponto insula, qua sepultus est Achilles, sacratam ei aedem Le pernici non oltrepassano i confini della Beozia in Attica, né alcun uccello sull'isola nel Ponto dove fu sepolto Achille, (oltrepassa) il tempio a lui dedicato
Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 09, Paragrafi 161 - 170

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 09, Paragrafi 161 - 170

in Fidenate agro iuxta urbem ciconiae nec pullos nec nidum faciunt Nel territorio di Fidene vicino alla città le cicogne non fanno i piccoli né il nido
Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 13, Paragrafi 93-142

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 13, Paragrafi 93-142

Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 25, Paragrafi 111-120

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 25, Paragrafi 111-120

Maybe you might be interested
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 09, Paragrafi 56 - 65

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 09, Paragrafi 56 - 65