Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 08, Paragrafi 193 - 201

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 08, Paragrafi 193 - 201

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 08, Paragrafi 193 - 201

[193]nec facile dixerim qua id aetate coeperit; antiquis enim torus e stramento erat, qualiter etiam nunc in castris [193] Non potrei dire facilmente in che periodo sia cominciato ciò; infatti per gli antichi il letto derivava dal pagliericcio, ugualmente anche ora negli accampamenti
gausapae patris mei memoria coepere, amphimallia nostra sicut villosa etiam ventralia I tessuti a pelo lungo cominciarono nell'epoca di mio padre, i tessuti a pelo lungo da entrambe le parti nella nostra come anche le cinture col pelo
nam tunica lati clavi in modum gausapae texi nunc primum incipit Infatti la tunica del laticlavio ha cominciato ora ad essere tessuta per la prima volta al modo del tessuto a pelo lungo
lanarum nigrae nullum colorem bibunt Le lane nere non assorbono nessun colore
de reliquarum infectu suis locis dicemus in conchyliis maris aut herbarum natura Circa la tintura delle altre parleremo a suo luogo sulle conchiglie del mare e la natura delle erbe
[194]Lanam in colu et fuso Tanaquilis, quae eadem Gaia Caecilia vocata est, in templo Sancus durasse prodente se auctor est M [194] M
Varro factamque ab ea togam regiam undulatam in aede Fortunae, qua Ser Varrone testimonia che quando lui scriveva nel tempio di Sanco esisteva ancora la lana sull'arcolaio e il fuso di Tanaquilla, la stessa che fu chiamata Gaia Cecilia e nel tempio della Fortuna una toga regia a onde fatta da lei, di cui aveva fatto uso Servio Tullio
Tullius fuerat usus; inde factum ut nubentes virgines comitaretur colus compta et fusus cum stamine Da qui l'usanza che un arcolaio ornato e un fuso con lo stame accompagnava le fanciulle che si sposavano
ea prima texuit rectam tunicam, quales cum toga pura tirones induuntur novaeque nuptae Lei per prima filò una tunica diritta, come quelle che i coscritti e le nuove spose indossano con una toga semplice
[195]undulata vestis prima e lautissimis fuit; inde sororiculata defluxit [195] La prima veste fra le più sontuose fu a onde; poi comparve la sororiculata