We use cookies to track usage and preferences

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 04, Paragrafi 75-80

Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 04, Paragrafi 75-80

Latino: dall'autore Plinio il Vecchio, opera Naturalis Historia parte Libro 04, Paragrafi 75-80

[75] Quartus e magnis Europae sinus ab Hellespontio incipiens Maeotis ostio finitur [75] Il quarto fra i grandi porti d'Europa che inizia dall'Ellesponto è concluso dalla foce del Meotide
sed totius Ponti forma breviter conplectenda est, ut facilius partes noscantur Ma bisogna descrivere brevemente la forma di tutto il Ponto, affinchè siano conosciute più facilmente le parti
vastum mare, praeiacens Asiae et ab Europa porrecto Cherronesi litore expulsum angusto meatu inrumpit in terras, VII stadiorum, ut dictum est, intervallo Europam auferens Asiae L'ampio mare, che si trova davanti all'Asia e spinto dall'Europa nel litorale proteso del Chersoneso irrompe nelle terre con uno stretto corso, come si è detto, separando con uno spazio di sette stadi l'Europa dall'Asia
primas angustias Hellespontum vocant; hac Xerxes Persarum rex constrato in navibus ponte duxit exercitum Chiamano il primo stretto Ellesponto; per di qua Serse il re dei Persiani condusse l'esercito con un ponte fatto di navi
porrigitur deinde tenuis Euripus LXXXVI spatio ad Priapum urbem Asiae, qua Magnus Alexander transcendit Poi si distende il sottile Euripo con una distanza di 86 miglia fino a Priapo città dell'Asia, dove giunse Alessandro Magno
[76] inde exspatiatur aequor rursusque in artum coit [76] Da qua il mare si allarga e di nuovo si restringe
laxitas Propontis appellatur, angustiae Thracius Bosporus, latitudine quingentorum passuum, qua Darius pater Xerxis copias ponte transvexit La parte larga è detta Propontide, la stretta Bosforo Tracio, con la larghezza di mezzo miglio, attraverso cui Dario padre di Serse trasportò le truppe su un ponte
tota ab Hellesponto longitudo CCXXXIX Tutta la lunghezza dall'Ellesponto 239 miglia
dein vastum mare Pontus Euxinus, qui quondam Axenus, longe refugientes occupat terras magnoque litorum flexu retro curvatus in cornua ab iis utrimque porrigitur, ut sit plane arcus Scythici forma Poi il vasto mare Ponto Eusino, che un tempo (era detto) Asceno, occupa terre che si ritirano lontano e con una grande curva dei lidi piegato all'indietro in corni si protende da questi da entrambe le parti, cosicchè la forma sia completamente di un arco scitico
medio flexu iungitur ostio Maeotii lacus A metà della curva è unito alla foce del lago Meotico
Following pages
Virgilio, Eneide: Libro 05 - PARATA DI GIOVANI TROIANI A CAVALLO
Virgilio, Eneide: Libro 05 - PARATA DI GIOVANI TROIANI A CAVALLO
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL SACRO RAMO D’ORO
Virgilio, Eneide: Libro 06 - IL SACRO RAMO D’ORO
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 28, Paragrafi 15-29
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 28, Paragrafi 15-29
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 16, Paragrafi 125-140
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 16, Paragrafi 125-140
Virgilio, Eneide: Libro 05 - I GIOCHI FUNEBRI
Virgilio, Eneide: Libro 05 - I GIOCHI FUNEBRI
Virgilio, Eneide: Libro 09 - EURIALO E NISO
Virgilio, Eneide: Libro 09 - EURIALO E NISO
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VIII
Properzio, Elegie: Libro II, Elegia VIII
Fedro, Favole: Libro 04 - I cani mandarono ambasciatori a Giove
Fedro, Favole: Libro 04 - I cani mandarono ambasciatori a Giove
Virgilio, Eneide: Libro 10 - EROISMO DI PALLANTE
Virgilio, Eneide: Libro 10 - EROISMO DI PALLANTE