We use cookies to track usage and preferences

Plauto, Miles Gloriosus: Actus IV, 1216-1283

Plauto, Miles Gloriosus: Actus IV, 1216-1283

Latino: dall'autore Plauto, opera Miles Gloriosus parte Actus IV, 1216-1283

Milphidippa Acroteleutium Pyrgopolinices Palaestrio MILPHIDIPPA Era, eccum praesto militem

Acroteleutivm ubi est

MILPHIDIPPA Ad laevam

ACROTELEUTIUM Video

MILPHIDIPPA Aspicito limis oculis), ne ille nos se sentiat videre

ACROTELEUTIUM Video

edepol nunc nos tempus est malas peioris fieri

MILPHIDIPPA Tuomst principium

ACROTELEUTIUM Obsecro, tute ipsum convenisti

ne parce vocem, ut audiat

MILPHIDIPPA Cum ipso pol sum locuta, [1220] placide, ipsi dum libitum est mihi, otiose, meo arbitratu (ut volui)

PYRGOPOLINICES Audin quae loquitur

PALAESTRIO Audio

quam laeta est, quia ted adiit

ACROTELEUTIUM O, fortunata mulier es

PYRGOPOLINICES Ut amari videor

PALAESTRIO Dignu's
Milfidippa Acroteleuzio Pirgopolinice Palestrione MILFIDIPPA Signora, eccolo là, il soldato

ACROTEULEZIO E dov'è

MILFIDIPPA Là, a sinistra

ACROTEULEZIO Lo vedo

MILFIDIPPA Sbircialo con la coda dell'occhio, che non si avveda che lo guardiamo

ACROTEULEZIO Lo vedo, sì

Ecco, questo è il momento di mostrarci più ribalde che mai

MILFIDIPPA La prima mossa è tua

ACROTEULEZIO (più forte) Ma tu, ti prego, sei riuscita a incontrare proprio lui

(Piano) Non risparmiar la voce, deve sentirci, lui

MILFIDIPPA Perbacco, ho parlato con lui, [1220] sicuro, tranquillamente, sì, sin che mi è piaciuto, sì, e con tutta calma, proprio come volevo

PIRGOPOLINICE Ma tu la senti cosa sta dicendo

PALESTRIONE Lo sento: Dio com'è felice di averti incontrato

ACROTEULEZIO Ma tu sei proprio una donna fortunata

PIRGOPOLINICE Come capisco di essere amato

PALESTRIONE E tu ne sei degno

ACROTEULEZIO Per Castore, che cosa straordinaria mi racconti; l'hai incontrato, l'hai supplicato
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
ACROTELEUTIUM Permirum ecastor praedicas, te adiisse atque exorasse; per epistulam aut per nuntium, quasi regem, adiri eum aiunt

[1225] MILPHIDIPPA Namque edepol vix fuit copia adeundi atque impetrandi

PALAESTRIO Ut tu inclitu's apud mulieres

PYRGOPOLINICES Patiar, quando ita Venus volt

ACROTELEUTIUM Veneri pol habeo gratiam, eandemque et oro et quaeso, ut eius mihi sit copia quem amo quemque expetesso benignusque erga me siet, quod cupiam ne gravetur

[1230] MILPHIDIPPA Spero ita futurum, quamquam illum multae sibi expetessunt: ille illas spernit segregat ab se omnis, extra te unam

ACROTELEUTIUM Ergo iste metus me macerat, quod ille fastidiosust, ne oculi eius sententiam mutent, ubi viderit me, atque eius elegantia meam extemplo speciem spernat

[1235] MILPHIDIPPA Non faciet, bonum animum habe

PYRGOPOLINICES Ut ipsa se contemnit
Dicono che per incontrarlo ci vuole prima una lettera o l'ambasciata di un ambasciatore, come se fosse un re

[1225] MILFIDIPPA E già, solo con grande fatica sono riuscita a presentargli le mie suppliche

PALESTRIONE Come sei famoso fra le donne

PIRGOPOLINICE Debbo rassegnarmi, poi che Venere vuole così

ACROTEULEZIO A Venere io rendo omaggio, e la prego, e la invoco perché mi sia dato colui che amo ed adoro, e perché sia benigno verso di me, e non gli sia molesto questo mio desiderio

[1230] MILFIDIPPA Mi auguro che vada così; benché molte donne aspirino a lui, lui le disprezza, puah, le tiene lontane, puah puah, fatta eccezione per te sola

ACROTEULEZIO Ma è proprio questo il timore che mi tormenta, perché lui è tanto difficile e io non vorrei che, nel guardarmi, i suoi occhi mutassero parere e subito la sua classe disprezzasse la mia figura

[1235] MILFIDIPPA No, non lo farà, sta' di buon animo

PIRGOPOLINICE Come si sottovaluta
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
ACROTELEUTIUM Metuo, ne praedicatio tua nunc meam formam exsuperet

MILPHIDIPPA Istuc curavi, ut opinione illius pulchrior sis

ACROTELEUTIUM Si pol me nolet ducere uxorem, genua amplectar atque obsecrabo; alio modo, si non quibo impetrare, [1240] consciscam letum: vivere sine illo scio me non posse

PYRGOPOLINICES Prohibendam mortem mulieri video

adibon

PALAESTRIO Minime; nam tu te vilem feceris, si te ultro largiere: sine ultro veniat; quaeritet, desideret, exspectet sine: perdere istam gloriam vis, quam habes

cave sis faxis

[1245] nam nulli mortali scio obtigisse hoc, nisi duobus, tibi et Phaoni Lesbio, tam mulier se ut amaret

ACROTELEUTIUM Eo intro, aut tu illum huc evoca foras, mea Milphidippa

MILPHIDIPPA Immo opperiamur, dum exeat aliquis

ACROTELEUTIUM Durare nequeo, quin eam intro
ACROTEULEZIO Ho tanta paura che i tuoi discorsi sulla mia bellezza siano stati eccessivi

MILFIDIPPA Sono stata attenta, io, proprio a questo: che tu gli appaia più bella di quel che si aspetta

ACROTEULEZIO Per gli dèi, se non vorrà prendermi come sposa, abbraccerò le sue ginocchia, l'implorerò; [1240] e se non riuscirò a piegarlo, mi darò la morte; so troppo bene che non potrei vivere senza di lui

PIRGOPOLINICE Sento che debbo proibirle di morire; le vado incontro

PALESTRIONE Manco per sogno

Se vai tu ad offrirti, finisci per svalutarti; lascia che venga lei, e ti chieda, ti supplichi, ti desideri

Attento a non farlo, se non vuoi perdere il prestigio che hai

[1245] Perché lo so bene, io, che a nessun uomo mortale, tranne che a voi due, a te e a Faone di Lesbo, è successo d'esser tanto amati da una donna

ACROTEULEZIO Vado io da lui oppure tu, Milfidippa mia, lo pregherai di uscire

MILFIDIPPA Ma no, aspettiamo che esca qualcuno

ACROTEULEZIO Non posso resistere, bisogna che vada da lui
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
MILPHIDIPPA Occlusae sunt foris

ACROTELEUTIUM Exfringam

MILPHIDIPPA Sana non es

[1250] ACROTELEUTIUM Si amavit umquam aut si parem sapientiam habet ac formam, per amorem si quid fecero, clementi animo ignoscet

PALAESTRIO Ut, quaeso, amore perditast tuo misera

PYRGOPOLINICES Mutuom fit

PALAESTRIO Tace, ne audiat

MILPHIDIPPA Quid astitisti obstupida

cur non pultas

ACROTELEUTIUM Quia non est intus quem ego volo

MILPHIDIPPA Qui scis

ACROTELEUTIUM Scio [1255] pol ego, olfacio; nam odore nasum sentiat, si intus sit

PALAESTRIO Hariolatur

PYRGOPOLINICES Quia me amat, propterea Venus fecit eam ut divinaret

ACROTELEUTIUM Nescio ubi hic prope adest quem expeto videre: olet profecto

PYRGOPOLINICES Naso pol iam haec quidem plus videt quam oculis

PALAESTRIO Caeca amore est

ACROTELEUTIUM Tene me obsecro

Mil

Quor
MILFIDIPPA La porta è sbarrata

ACROTEULEZIO La sfonderò

MILFIDIPPA Tu sei matta

[1250] ACROTEULEZIO Se mai gli è successo di amare, se la sua saggezza è pari alla sua bellezza, con animo clemente concederà il suo perdono, perché io lo faccio solo per amore

PALESTRIONE Poveretta, guarda come si tormenta per amore

PIRGOPOLINICE E io pure

PALESTRIONE Zitto, che non ti senta

MILFIDIPPA (ad Acroteleuzio) Perché te ne stai lì imbambolata

Perché non bussi alla porta

ACROTEULEZIO Perché non è in casa colui che io desidero

MILFIDIPPA Come lo sai

ACROTEULEZIO Lo so, per Polluce, [1255] se fosse lì dentro, il mio fiuto ne sentirebbe l'odore

PIRGOPOLINICE È un'indovina

Proprio perché mi ama, Venere le ha concesso spirito profetico

ACROTEULEZIO Non so dove, ma qui vicino c'è lui, l'uomo che desidero vedere

C'è il suo profumo

PIRGOPOLINICE Accidenti, il suo naso vede più che i suoi occhi

PALESTRIONE Cieca è divenuta per amore

ACROTEULEZIO Sorreggimi, ti prego

MILFIDIPPA Che c'è
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested
ACROTELEUTIUM Ne cadam

MILPHIDIPPA Quid ita

[1260] ACROTELEUTIUM Quia stare nequeo, ita animus per oculos meos defit

MILPHIDIPPA Militem pol tu aspexisti

ACROTELEUTIUM Ita

MILPHIDIPPA Non video

ubi est

ACROTELEUTIUM Videres pol, si amares

MILPHIDIPPA Non edepol tu illum magis amas, quam ego amem, si per te liceat

PALAESTRIO Omnes profecto mulieres te amant, ut quaeque aspexit

PYRGOPOLINICES Nescio, tu ex me hoc audiveris an non: nepos sum Veneris

[1265] ACROTELEUTIUM Mea Milphidippa, adi obsecro et congredere

PYRGOPOLINICES Ut me veretur

PALAESTRIO Illa ad nos pergit

Mil

Vos volo

PYRGOPOLINICES Et nos te

Mil

Ut iussisti, eram meam eduxi foras

PYRGOPOLINICES Video

MILPHIDIPPA Iube ergo adire

PYRGOPOLINICES Induxi in animum, ne oderim item ut alias, quando orasti

MILPHIDIPPA Verbum edepol facere non potis, si accesserit prope ad te
ACROTEULEZIO Ho paura di cadere

MILFIDIPPA E perché

[1260] ACROTEULEZIO Non mi reggo più, l'anima mi sfugge dagli occhi

MILFIDIPPA Per Polluce, tu l'hai visto, il soldato

ACROTEULEZIO Sì

MILFIDIPPA Ma io non lo vedo; dov'è

ACROTEULEZIO Per gli dèi, lo vedresti, tu, se lo amassi

MILFIDIPPA Amarlo

Ma io lo amerei più di te, se tu me lo consentissi

PALESTRIONE Non c'è dubbio

Ti amano tutte al primo sguardo PIRGOPOLINICE Non te l'ho mai detto

[1265] Sono nipote di Venere, io

ACROTEULEZIO Milfidippa mia, va' tu, ti prego, e parlagli

PIRGOPOLINICE Ah, che soggezione ha di me

PALESTRIONE Viene dalla nostra parte

MILFIDIPPA Cerco di voi

PIRGOPOLINICE E noi di te

MILFIDIPPA Come mi hai ordinato, ho accompagnato qui fuori la mia padrona

PIRGOPOLINICE La vedo

MILFIDIPPA E allora dille di avvicinarsi

PIRGOPOLINICE Mi sono proposto di non



MILFIDIPPA Ma lei, se ti viene vicino, non riuscirà a spiccicare una parola
[1270] dum te obtuetur, interim linguam oculi praeciderunt

PYRGOPOLINICES Levandum morbum mulieri video

MILPHIDIPPA Ut tremit atque extimuit, postquam te aspexit

PYRGOPOLINICES Viri quoque armati idem istuc faciunt, ne tu mirere eius mulierem

sed quid volt me facere

MILPHIDIPPA Ad se ut eas: tecum vivere volt atque aetatem exigere

[1275] PYRGOPOLINICES Egon ad illam eam, quae nupta sit

vir eius me deprehendat

MILPHIDIPPA Quin tua causa exegit virum ab se

PYRGOPOLINICES Qui id facere potuit

MILPHIDIPPA Quia aedis dotalis huius sunt

PYRGOPOLINICES Itane

Ita pol

PYRGOPOLINICES Iube domum ire

iam ego illi ero

MILPHIDIPPA Vide ne sies in exspectatione, ne illam animi excrucies

PYRGOPOLINICES Non ero profecto

abite

MILPHIDIPPA Abimus

[1280] PYRGOPOLINICES Sed quid ego video

PALAESTRIO Quid vides
[1270] Gli occhi, mentre ti osservava, le han tagliato la lingua PIRGOPOLINICE Penso proprio che bisogna guarirla dal suo male MILFIDIPPA Come trema, come è atterrita, poi che ti ha veduto PIRGOPOLINICE Capita così anche agli uomini d'arme

Non meravigliarti se una donna



Ma, secondo lei, che cosa debbo fare

MILFIDIPPA Recarti da lei

Vuol vivere con te, trascorrere al tuo fianco la vita

[1275] PIRGOPOLINICE Io andare da lei, che è sposata

Perché suo marito mi acciuffi

MILFIDIPPA Per amor tuo, lei ha scacciato suo marito

PIRGOPOLINICE E come ha potuto farlo

MILFIDIPPA Perché questa casa è bene dotale

PIRGOPOLINICE Davvero

MILFIDIPPA Davvero, per Polluce

PIRGOPOLINICE Dille che rientri in casa

Sarò subito da lei

MILFIDIPPA Cerca di non tardare, che non si strugga

PIRGOPOLINICE Non tarderò

Andate

MILFIDIPPA E noi andiamo

[1280] PIRGOPOLINICE Ma cosa vedo

PALESTRIONE Ma cosa vedi
PYRGOPOLINICES Nescio quis eccum incedit ornatu quidem thalassico

PALAESTRIO It ad nos, volt te profecto

nauclerus hic quidem est

PYRGOPOLINICES Videlicet accersit hanc iam

PALAESTRIO Credo

PIRGOPOLINICE C'è qualcuno, non so chi, che sta arrivando

Dall'abito, un marinaio

PALESTRIONE Viene da noi: certo vuole te; certo è il comandante della nave

PIRGOPOLINICE Verrà a prendere l'altra

PALESTRIONE Lo penso anch'io

Following pages
Agostino, Le Confessioni: Libro 10, 20-43
Agostino, Le Confessioni: Libro 10, 20-43
Cicerone, In Verrem: 02; 05-26-30
Cicerone, In Verrem: 02; 05-26-30
Virgilio, Eneide: Libro 05 - LA BENEFICA PIOGGIA DI GIOVE
Virgilio, Eneide: Libro 05 - LA BENEFICA PIOGGIA DI GIOVE
Cicerone, In Verrem: 01; 16-18
Cicerone, In Verrem: 01; 16-18
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,01
Cicerone, Cicerone ad Attico: 03,01
Seneca, De Clementia: 02; 01-02
Seneca, De Clementia: 02; 01-02
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 70-123
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 18, Paragrafi 70-123
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 15, Paragrafi 01-20
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 15, Paragrafi 01-20
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 06 - Parte 01
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 06 - Parte 01