Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 354-410

Plauto, Miles Gloriosus: Actus II, 354-410

Latino: dall'autore Plauto, opera Miles Gloriosus parte Actus II, 354-410

Palaestrio Philocomasium Sceledrus PALAESTRIO Praecepta facito ut memineris

PHILOCOMASIUM Totiens monere mirumst

At metuo ut satis sis subdola

PHILOCOMASIUM Cedo vel decem, edocebo [355] minime malas ut sint malae, mihi solae quod superfit

PALAESTRIO Age nunciam insiste in dolos; ego abs te procul recedam

quid ais tu, Sceledre

SCELEDRUS Hanc rem gero

habeo auris, loquere quidvis

PALAESTRIO Credo ego istoc extemplo tibi esse eundum actutum extra portam, dispessis manibus, patibulum quom habebis

SCELEDRUS Quamnam ob rem

[360] PALAESTRIO Respice dum ad laevam: quis illaec est mulier

SCELEDRUS Pro di immortales, eri concubinast haec quidem

PALAESTRIO Mihi quoque pol ita videtur

age nunciam, quando lubet SCELEDRUS Quid agam

PALAESTRIO Perire propera
Palestrione Filocomasio Sceledro PALESTRIONE (a Filocomasio) Bada di ricordarti bene i miei suggerimenti

FILOCOMASIO Uffa, quante volte me lo ripeti

PALESTRIONE Ma io ho paura che tu non sia abbastanza furba

FILOCOMASIO Dammene anche dieci, [355] le meno furbe che ci siano, e io ne faccio delle volpi, perché di furberia ce n'ho d'avanzo

PALESTRIONE Tu adesso va' avanti con il nostro piano; io mi terrò un poco indietro

(A Sceledro) Ehi, Sceledro, che dici

SCELEDRO Io bado al compito mio

Tu parla pure, le orecchie ce l'ho

PALESTRIONE Credo proprio che dovrai startene così, in questa posa, fuori porta, quando sarai suppliziato a braccia aperte

SCELEDRO E perché mai

[360] PALESTRIONE Da' un'occhiata alla tua sinistra

Quella donna, chi è

SCELEDRO Dèi immortali

Ma quella è proprio la concubina del padrone

PALESTRIONE Anche a me pare così, perbacco; e tu, ora, se vuoi prepararti SCELEDRO Prepararmi a che
PHILOCOMASIUM Ubi iste est bonus servos, qui probri me maxumi innocentem falso insimulavit

PALAESTRIO Em tibi, hic mihi dixit tibi quae dixi

[365] PHILOCOMASIUM Tun me vidisse in proxumo hic, sceleste, ais osculantem

PALAESTRIO Atque cum alieno adulescentulo dixit

SCELEDRUS Dixi hercle vero

PHILOCOMASIUM Tun me vidisti

SCELEDRUS Atque his quidem hercle oculis

PHILOCOMASIUM Carebis, credo, qui plus vident quam quod vident

SCELEDRUS Numquam hercle deterrebor quin viderim id quod viderim

PHILOCOMASIUM Ego stulta et mora multum, [370] quae cum hoc insano fabuler, quem pol ego capitis perdam

SCELEDRUS Noli minitari: scio crucem futuram mihi sepulcrum; ibi mei sunt maiores siti, pater, avos, proavos, abavos

non possunt mihi minaciis tuis hisce oculi exfodiri

sed paucis verbis te volo, PALAESTRIO
PALESTRIONE A morire, e subito FILOCOMASIO Dov'è quel fior di schiavo che falsamente accusa una innocente come me di un'orribile colpa

PALESTRIONE Eccotelo qui: è lui che mi ha detto tutto ciò che ti ho detto

[365] FILOCOMASIO Tu, scellerato, sostieni che mi hai vista qui dal vicino mentre mi lasciavo baciare

PALESTRIONE Da un giovane straniero, ha precisato

SCELEDRO L'ho detto sì, per Ercole

FILOCOMASIO Tu mi hai veduta

SCELEDRO Per Ercole, sì, con questi occhi

FILOCOMASIO Te li strapperanno, penso, questi occhi che vedono più di quel che vedono

SCELEDRO Non mi convincerò mai, per Ercole, di non aver visto quello che ho visto

FILOCOMASIO Ma che scema, [370] ma che pazza, che me ne sto a parlare con questo demente

Ma a lui, per Polluce, gliela farò pagare con la vita

SCELEDRO Non minacciare; la croce sarà la mia tomba

Lo so, lì sono finiti tutti i miei: padre, nonno, bisnonno e trisavolo; ma questi occhi miei, no, non me li possono strappare per le tue minacce
opsecro te, [375] unde exit haec

PALAESTRIO Unde nisi domo

SCELEDRUS Domo

PALAESTRIO Me viden

SCELEDRUS Te video

nimis mirumst facinus, quo modo haec hinc huc transire potuit; nam certo neque solariumst apud nos neque hortus ullus neque fenestra nisi clatrata; nam certe ego te hic intus vidi

PALAESTRIO Pergin, sceleste, intendere hanc arguere

PHILOCOMASIUM Ecastor ergo [380] mi hau falsum evenit somnium, quod noctu hac somniavi

PALAESTRIO Quid somniasti

PHILOCOMASIUM Ego eloquar

sed amabo advortite animum

hac nocte in somnis mea soror geminast germana visa venisse Athenis in Ephesum cum suo amatore quodam; ei ambo hospitio huc in proxumum mihi devortisse visi

[385] PALAESTRIO Palaestrionis somnium narratur

perge porro
A te, Palestrione, voglio dire soltanto due parole: ti scongiuro, [375] da dove salta fuori questa qui

PALESTRIONE Da dove

Da casa, no

SCELEDRO Da casa

PALESTRIONE Ma tu mi vedi

SCELEDRO Certo che ti vedo, è strabiliante come sia potuta passare da là a qua; certo, da noi terrazza non c'è, orto nemmeno, e le finestre hanno l'inferriata, eppure io l'ho vista là dentro PALESTRIONE Tu, scellerato, insisti

Insisti ad accusarla

FILOCOMASIO Per Castore, [380] ma allora il mio sogno di stanotte non era mica bugiardo

PALESTRIONE Che cosa hai sognato

FILOCOMASIO Vi racconto; però fate attenzione, per piacere

Nel sogno, stanotte, mi è apparsa la mia gemella, che veniva da Atene con un tale, il suo amante

E mi sembrava che tutti e due si sistemassero nella casa del vicino

[385] PALESTRIONE (al pubblico) Questa sta raccontando il sogno di Palestrione

(A Filocomasio) Avanti, continua
Maybe you might be interested
PHILOCOMASIUM Ego laeta visa, quia soror venisset, propter eandem suspicionem maximam sum visa sustinere

nam arguere in somnis me meus mihi familiaris visust, me cum alieno adulescentulo, quasi nunc tu, esse osculatam, [390] quom illa osculata mea soror gemina esset suompte amicum

id me insimulatam perperam falsum esse somniavi

PALAESTRIO Satin eadem vigilanti expetunt quae in somnis visa memoras

eu hercle praesens somnium

abi intro et comprecare

narrandum ego istuc militi censebo

PHILOCOMASIUM Facere certum est, [395] neque me quidem patiar probri falso impune insimulatam

SCELEDRUS Timeo quid rerum gesserim, ita dorsus totus prurit

PALAESTRIO Scin te periisse

SCELEDRUS Nunc quidem domi certo est

certa res est nunc nostrum observare ostium, ubi ubist
FILOCOMASIO Mi sentivo felice perché arrivava mia sorella, però mi parve anche di essere vittima, proprio per via di mia sorella, di un terribile sospetto

E nel sogno mi sembrava che un servo di casa mi accusasse, quasi quasi come ora fai tu, di essermi baciata con un ragazzo forestiero, [390] mentre era lei, la mia gemella, che baciava il suo amante; sì, ho sognato questo, di essere accusata, calunniata

PALESTRIONE Ma lo sai che ti capita da sveglia quello che ricordi di aver sognato

Il sogno si è avverato, per Ercole

Vattene dentro e mettiti a pregare

Penso proprio che tutto questo bisogna dirglielo, al soldato

FILOCOMASIO Lo farò senz'altro

[395] Mica mi lascio accusare impunemente, io, che non ho colpe

(Entra in casa) SCELEDRO Cosa ho fatto

Accidenti, ho paura; già la schiena mi prude

PALESTRIONE Tu sei morto, lo sai

SCELEDRO È in casa, adesso, questo è sicuro; è sicuro che adesso debbo mettermi di guardia alla porta, dovunque sia la ragazza
PALAESTRIO At, Sceledre, quaeso, ut ad id exemplum somnium quam simile somniavit [400] atque ut tu suspicatus es eam vidisse osculantem

SCELEDRUS Nescio quid credam egomet mihi iam, ita quod vidisse credo me id iam non vidisse arbitror

PALAESTRIO Ne tu hercle sero, opinor, resipisces: si ad erum haec res prius devenerit, peribis pulchre

SCELEDRUS Nunc demum experior, mi ob oculos caliginem opstitisse

[405] PALAESTRIO Dudum edepol planum est id quidem, quae hic usque fuerit intus

SCELEDRUS Nihil habeo certi quid loquar: non vidi eam, etsi vidi

PALAESTRIO Ne tu edepol stultitia tua nos paene perdidisti: dum te fidelem facere ero voluisti, absumptu's paene

sed fores vicini proxumi crepuerunt

conticiscam

[410]
PALESTRIONE Ma tu, Sceledro, guarda un po' come van d'accordo il sogno che ha fatto lei [400] e il sospetto che hai avuto tu, di averla veduta sbaciucchiare SCELEDRO Non so neanche se posso credere a me stesso

E già: comincio a pensare di non aver veduto quello che credevo di aver veduto PALESTRIONE Non è un po' tardi per pentirsi

Se al padrone gli arriva la faccenda, tu sei sistemato per le feste

SCELEDRO Adesso finalmente mi accorgo che ci avevo la nebbia negli occhi

[405] PALESTRIONE Da un pezzo era chiaro, per Polluce, dato che la ragazza è rimasta sempre in casa nostra

SCELEDRO Che cosa posso dire di certo

Nulla: non l'ho veduta, anche se l'ho veduta

PALESTRIONE Sì, ma con la tua scemenza c'è mancato poco che ci rovinassi tutti quanti; volevi fare il bravo col padrone e quasi quasi ci rimettevi la pelle; ma la porta del vicino sta cigolando

Starò zitto

(Filocomasio si affaccia alla porta della casa di Periplecomeno ma si volge verso l'interno) [410]
Maybe you might be interested
Maybe you might be interested:
Plauto, Miles Gloriosus: Actus III, 576-812
Plauto, Miles Gloriosus: Actus IV, 947-990