Plauto, Aulularia: Actus II, 178-263

Plauto, Aulularia: Actus II, 178-263

Latino: dall'autore Plauto, opera Aulularia parte Actus II, 178-263

Euclio Megadorus EUCLIO Praesagibat mi animus frustra me ire, quom exibam domo; itaque abibam invitus; nam neque quisquam curialium venit neque magister quem dividere argentum oportuit

[180] nunc domum properare propero, nam egomet sum hic, animus domi est

MEGADORUS Salvos atque fortunatus, Euclio, semper sies

EUCLIO Di te ament, Megadore

MEGADORUS Quid tu

recten atque ut vis vales

EUCLIO Non temerarium est, ubi dives blande appellat paupere MEGADORUS iam illic homo aurum scit me habere, eo me salutat blandius

[185] MEGADORUS Ain tu te valere

EUCLIO Pol ego haud perbene a pecunia

MEGADORUS Pol si est animus aequos tibi, sat habes qui bene vitam colas

EUCLIO Anus hercle huic indicium fecit de auro, perspicue palam est, cui ego iam linguam praecidam atque oculos effodiam domi
EUCLIONE MEGADORO EUCLIONE Me lo diceva, il cuore, mentre uscivo di casa, che ci sarei andato inutilmente, e per questo ci andavo a malincuore; e già, della curia nessuno si è fatto vivo, meno che meno il capo che doveva distribuire la pecunia

[180] Che fretta, ora, di fare in fretta per arrivare a casa; perché io sono qui, ma il mio cuore è a casa

MEGADORO Che tu sia sempre sano e fortunato, Euclione

EUCLIONE Che gli dèi ti proteggano, Megadoro

MEGADORO E tu, vai proprio bene come desideri

EUCLIONE (tra sé) Non è un caso, no, che un riccone si rivolga con cortesia a un poveraccio: questo qui sa già tutto del tesoro mio, per questo mi fa tanti complimenti

MEGADORO Che mi stai dicendo, stai bene

EUCLIONE Per Polluce, io, quanto a pecunia, niente bene, no [185] MEGADORO Per Polluce, se hai l'animo in pace, ne hai abbastanza per viver bene

EUCLIONE Accidenti, la vecchia gli ha soffiato qualcosa del tesoro

È sin troppo evidente

Ma io, a quella, non appena arrivo a casa, le taglio la lingua, le cavo gli occhi
Maybe you might be interested
MEGADORUS Quid tu solus tecum loquere

EUCLIO Meam pauperiem conqueror

[190] virginem habeo grandem, dote cassam atque inlocabilem, neque eam queo locare cuiqua MEGADORUS MEGADORUS Tace, bonum habe animum, Euclio

dabitur, adiuvabere a me

dic, si quid opust, impera

EUCLIO Nunc petit, cum pollicetur; inhiat aurum ut devoret

altera manu fert lapidem, panem ostentat altera

[195] nemini credo qui large blandust dives pauperi: ubi manum inicit benigne, ibi onerat aliqua zamia

ego istos novi polypos, qui ubi quidquid tetigerunt tenent

MEGADORUS Da mi operam parumper

paucis, Euclio, est quod te volo de communi re appellare mea et tua

EUCLIO Ei misero mihi, [200] aurum mi intus harpagatum est

nunc hic eam rem volt, scio, mecum adire ad pactione MEGADORUS verum intervisam domu MEGADORUS MEGADORUS Quo abis
MEGADORO Ma che stai dicendo tra di te

EUCLIONE È della mia povertà che mi lamento

[190] È da marito, mia figlia, ma non ha dote, e allora chi se la prende

Non mi riesce proprio di maritarla

MEGADORO Stattene buono, Euclione, e su con la vita; avrà la sua dote, io stesso ti aiuterò: Parla, se hai bisogno, comanda

EUCLIONE Promette di dare, lui, ma vuole prendere: eccolo lì a bocca aperta per divorare il mio tesoro

Nasconde il sasso in una mano, con l'altra mostra la pagnotta

Non mi fido, no, di un riccone che fa tante [195] smorfie a un poveraccio: con la mano che offrono da amici, loro ti rifilano qualche malanno: li conosco bene, questi polipi, che non mollano più tutto quel che riescono a toccare

MEGADORO Prestami un poco di attenzione, Euclione, se ti va; voglio parlarti, brevemente, di qualcosa che ci riguarda tutti e due

Io e te

EUCLIONE Oh povero me

[200] là dentro il tesoro mi è stato rapinato; e lui vuole, adesso, lo capisco, venire a patti con me; vado subito in casa a controllare

MEGADORO Dove vai
Maybe you might be interested
EUCLIO Iam ad te revortar: nunc est quod visam domum

-- MEGADORUS Credo edepol, ubi mentionem ego fecero de filia, mi ut despondeat, sese a me derideri rebitur; [205] neque illo quisquam est alter hodie ex paupertate parcior

EUCLIO Di me servant, salva res est

salvom est si quid non perit

nimis male timui

prius quam intro redii, exanimatus fui

redeo ad te, Megadore, si quid me vis

MEGADORUS Habeo gratia MEGADORUS quaeso, quod te percontabor, ne id te pigeat proloqui

[210] EUCLIO Dum quidem ne quid perconteris quod non lubeat proloqui

MEGADORUS Dic mihi, quali me arbitrare genere prognatum

EUCLIO Bono

MEGADORUS Quid fide

E

Bona

MEGADORUS Quid factis

E

Neque malis neque improbis

MEGADORUS Aetatem meam scis
EUCLIONE Ritorno subito da te; adesso ho qualcosa da controllare in casa

(Entra nella sua casa) MEGADORO Per Polluce, credo proprio che, quando gli parlerò della figlia perché me la conceda, lui si crederà che lo voglia sfottere; [205] no, non c'è nessuno che sia più tirchio di lui, per colpa della sua povertà

EUCLIONE (tra sé, uscendo) Grazie a dio, il mio tesoro è salvo

Salvo è ciò che non è perduto

Troppa paura mi son preso

Prima di entrare ero proprio mezzo morto

(A Megadoro) Sono da te, Megadoro, se da me desideri qualcosa

MEGADORO Ti ringrazio; e ti prego: non ti rincresca di rispondere a quanto ti chiederò

[210] EUCLIONE Ma sì, purché tu non mi venga a chiedere cose cui mi rincresca di rispondere

MEGADORO Dimmi, tu che ne pensi della mia famiglia

EUCLIONE Bene

MEGADORO E della mia reputazione

EUCLIONE Buona

MEGADORO E della mia condotta

EUCLIONE Cattiva no, disonesta neppure

MEGADORO La mia età, la conosci, no

EUCLIONE So che è abbondante come la tua ricchezza

MEGADORO Te, io ti ho sempre considerato, e sempre ti considero, come uomo privo di ogni malizia
Maybe you might be interested
EUCLIO Scio esse grandem, item ut pecunia MEGADORUS MEGADORUS Certe edepol equidem te civem sine mala omni malitia [215] semper sum arbitratus et nunc arbitror

EUCLIO Aurum huic olet

quid nunc me vis

MEGADORUS Quoniam tu me et ego te qualis sis scio, quae res recte vortat mihique tibique tuaeque filiae, filiam tuam mi uxorem posco

promitte hoc fore

EUCLIO Heia, Megadore, haud decorum facinus tuis factis facis, [220] ut inopem atque innoxium abs te atque abs tuis me inrideas

nam de te neque re neque verbis merui ut faceres quod facis

MEGADORUS Neque edepol ego te derisum venio neque derideo, neque dignum arbitror

EUCLIO Cur igitur poscis meam gnatam tibi

MEGADORUS Ut propter me tibi sit melius mihique propter te et tuos

[225] EUCLIO
[215] EUCLIONE (tra sé) Questo sta fiutando il tesoro

(Forte) Che cosa vuoi da me

MEGADORO Visto che sai di me come io so di te, con il voto che tutto possa riuscir bene per me, per te e per la giovane, io ti chiedo in moglie tua figlia

Dammi la tua parola

EUCLIONE No

Megadoro, non è bello che tu faccia così,[220] prendendo in giro un poveraccio come me, che non ha fatto torto a te e ai tuoi

Mai me lo sono meritato, per fatti o parole, che tu mi trattassi come stai facendo

MEGADORO Per Polluce, non ti ho deriso, io, e non ti derido, e sono convinto che tu non meriti di esserlo

EUCLIONE Perché allora mi chiedi mia figlia

MEGADORO Perché tu viva meglio, per opera mia, ed io pure, grazie a te e ai tuoi

[225] EUCLIONE Sai cosa mi assilla, Megadoro
Venit hoc mihi, Megadore, in mentem, ted esse hominem divitem, factiosum, me autem esse hominem pauperum pauperrimum; nunc si filiam locassim meam tibi, in mentem venit te bovem esse et me esse asellum: ubi tecum coniunctus siem, ubi onus nequeam ferre pariter, iaceam ego asinus in luto, [230] tu me bos magis haud respicias, gnatus quasi numquam sie MEGADORUS et te utar iniquiore et meus me ordo inrideat, neutrubi habeam stabile stabulum, si quid divorti fuat: asini me mordicibus scindant, boves incursent cornibus

hoc magnum est periclum, ab asinis ad boves transcendere

[235] MEGADORUS Quam ad probos propinquitate proxime te adiunxeris, tam optumum est

tu condicionem hanc accipe, ausculta mihi, atque eam desponde mi

EUCLIO At nihil est dotis quod de MEGADORUS MEGADORUS Ne duas

dum modo morata recte veniat, dotata est satis
Che tu sia ricco e influente, mentre io sono il più misero dei miseri: se ti concedessi mia figlia, penso che saresti tu il bue ed io l'asino; una volta che fossi aggiogato con te, e non potessi sostenere i pesi come te, io finirei nel fango [230] e tu, bue, non ti degneresti nemmeno di guardarmi, come se non fossi mai nato; me la farei con uno troppo in alto e i miei pari mi deriderebbero, non avrei una stalla sicura da nessuna parte, nel caso che nascesse tra noi un contrasto; gli asini mi sbranerebbero a morsi, i buoi mi prenderebbero a cornate

C'è questo pericolo, ed è grande, a promuoversi da asino a bue

[235] MEGADORO Quanto più ti congiungi in parentela con gente dabbene, tanto meglio ti trovi: accoglila, la mia domanda, ascoltami, promettimi tua figlia

EUCLIONE E la dote

Io non ho nulla da darle

MEGADORO E tu non darla: basta che venga da me ben costumata, la sua dote è sufficiente
Maybe you might be interested
EUCLIO Eo dico, ne me thensauros repperisse censeas

[240] MEGADORUS Novi, ne doceas

desponde

EUCLIO Fiat

sed pro Iuppiter, num ego disperii

MEGADORUS Quid tibi est

E

Quid crepuit quasi ferrum modo

-- MEGADORUS Hic apud me hortum confodere iussi

sed ubi hic est homo

abiit neque me certiorem fecit

fastidit mei, [245] quia videt me suam amicitiam velle: more hominum facit; nam si opulentus it petitum pauperioris gratiam, pauper metuit congrediri, per metum male rem gerit

idem, quando occasio illaec periit, post sero cupit

EUCLIO Si hercle ego te non elinguandam dedero usque ab radicibus, [250] impero auctorque ego sum, ut tu me cuivis castrandum loces
EUCLIONE Te lo dico perché tu non abbia a credere che io ho trovato dei tesori

[240] MEGADORO Lo so, non farmi la lezione: concedimi tua figlia

EUCLIONE Sia

Ma per il sommo Giove, forse che sono già morto, io

MEGADORO Che ti succede

EUCLIONE Cos'è questo rumore

Proprio ora, sembra un ferro



(Rientra rapidamente in casa) MEGADORO L'ho dato io, l'ordine di zappare nel mio giardino

Ma dove si è cacciato quell'uomo

È andato via e manco mi ha risposto

Gli sono antipatico [245] perché vede che sto cercando la sua amicizia: fa come tutti

Perché se un ricco va a chiedere un favore a chi è più povero, questi ha paura di incontrarlo e, per tale paura, butta via l'occasione; e poi, quando l'occasione è perduta, si mangia le dita, ma è tardi

EUCLIONE (esce di casa ma si rivolge verso l'interno) Per Ercole, la lingua, a te, se non te la faccio strappare sin dalle radici, [250] io stabilisco e comando, io: consegnami a chi vuoi perché mi castri
MEGADORUS Video hercle ego te me arbitrari, Euclio, hominem idoneum, quem senecta aetate ludos facias, haud merito meo

EUCLIO Neque edepol, Megadore, facio, neque, si cupiam, copia est

MEGADORUS Quid nunc

etiam mihi despondes filiam

EUCLIO Illis legibus, [255] cum illa dote quam tibi dixi

MEGADORUS Sponden ergo

EUCLIO Spondeo

MEGADORUS Di bene vertant

EUCLIO Ita di faxint

illud facito ut memineris, convenisse ut ne quid dotis mea ad te afferret filia

MEGADORUS Memini

EUCLIO At scio quo vos soleatis pacto perplexarier: pactum non pactum est, non pactum pactum est, quod vobis lubet

[260] MEGADORUS Nulla controversia mihi tecum erit

sed nuptias num quae causa est quin faciamus hodie

EUCLIO Immo edepol optuma

MEGADORUS Ibo igitur, parabo

numquid me vis

EUCLIO Istuc

ei et vale
MEGADORO Per Ercole, capisco che tu mi consideri, Euclione, l'uomo giusto da sfottere per via dei suoi anni, ma io non me lo merito

EUCLIONE Ma no, Megadoro, non è questo che sto facendo; e poi, anche se volessi farlo, non ne sarei capace

MEGADORO E allora

Ti decidi a concedermi tua figlia

EUCLIONE Alle condizioni che sai, [255] con quella dote che ti ho detto

MEGADORO Me la concedi, allora

EUCLIONE La concedo

MEGADORO Che gli dèi ci siano benevoli

EUCLIONE Benevoli, sì

Ma tu cerca di ricordartelo: siamo d'accordo, noi, che mia figlia di dote non ti porta niente

MEGADORO Certo che me ne ricordo

EUCLIONE Ma lo so, lo so io come imbrogliate le carte, voialtri: il patto non è un patto, il non patto è un patto, così come vi gira

[260] MEGADORO No, non ci sarà nessuna bega tra di noi

Ma le nozze, perché non le facciamo proprio oggi

EUCLIONE Per Polluce, è un'ottima idea

MEGADORO Allora vado, e preparo

Desideri qualcosa

EUCLIONE Questo: va' e stammi bene

MEGADORO (rivolgendosi ad un servo) Ehi, tu, Strobilo, vieni con me
MEGADORUS Heus, Pythodice, sequere propere me ad macellum strenue

-- EUCLIO Illic hinc abiit

di immortales, obsecro, aurum quid valet

[265] (credo ego illum iam inaudivisse mi esse thensaurum domi

) id inhiat, ea affinitatem hanc obstinavit gratia

Presto, al mercato

EUCLIONE Se ne è andato

O dèi immortali, vi chiamo a testimoni: com'è potente l'oro

[265] Sono convinto che quello l'ha fiutato già che a casa ci ho un tesoro, io

Spalanca le fauci, lui, ed è per questo che insiste per imparentarsi con me

Following pages
Orazio, Epistole: Libro 01 - 18
Orazio, Epistole: Libro 01 - 18
Livio, Ab urbe condita: Libro 33; 26 - 49
Livio, Ab urbe condita: Libro 33; 26 - 49
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 02 - Parte 01
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 02 - Parte 01
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 10
Properzio, Elegie: Libro 01, Elegia 10
Livio, Ab urbe condita: Libro 05, 16-20
Livio, Ab urbe condita: Libro 05, 16-20
Virgilio, Eneide: Libro 05 - IL TIRO CON L’ARCO
Virgilio, Eneide: Libro 05 - IL TIRO CON L’ARCO
Plauto, Aulularia: Actus IV, 587-607
Plauto, Aulularia: Actus IV, 587-607
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 04; 11-20
Cicerone, Tuscolanae Disputationes: Libro 04; 11-20
Plauto, Aulularia: Prologus
Plauto, Aulularia: Prologus