We use cookies to track usage and preferences

Orazio, Epistole: Libro 01 - A Bullazio

Orazio, Epistole: Libro 01 - A Bullazio

Latino: dall'autore Orazio, opera Epistole parte Libro 01 - A Bullazio

Quid tibi uisa Chios, Bullati, notaque Lesbos,quid concinna Samos, quid Croesi regia Sardis,Zmyrna quid et Colophon Allora, Bullazio, che ne pensi di Chio, della tanto decantata Lesbo, dell'eleganza di Samo, della reggia di Creso a Sardi, e di Colofone, di Smirne
Maybe you might be interested
Maiora minoraue fama,cunctane prae Campo et Tiberino flumine sordent meglio o peggio della loro fama, Nessuna, proprio, che valga Tevere e Campo Marzio
Maybe you might be interested
An uenit in uotum Attalicis ex urbibus una o t'ha rapito il cuore una città di Attalo
Maybe you might be interested
An Lebedum laudas odio maris atque uiarum e ti entusiasmi di Lèbedo nauseato di viaggi e crociere
Maybe you might be interested
Scis Lebedus quid sit: Gabiis desertior atqueFidenis uicus; tamen illic uiuere uellem,oblitusque meorum, obliuiscendus et illis,Neptunum procul e terra spectare furentem Sai Lèbedo com'è: un villaggio piú deserto di Gabi e Fidene; ma io lí vorrei vivere, dimenticando i miei, dimenticato da loro, e da riva guardare lontano il mare in burrasca
Maybe you might be interested
Sed neque qui Capua Romam petit, imbre lutoqueaspersus uolet in caupona uiuere; nec quifrigus collegit, furnos et balnea laudatut fortunatam plene praestantia uitam;nec si te ualidus iactauerit Auster in alto, idcirco nauem trans Aegaeum mare uendas Certo nessuno si propone, fradicio di pioggia e fango da Capua verso Roma, di passare la vita in una bettola; nessuno, intirizzito dal freddo, ritiene il calore delle terme il culmine della felicità terrena; neppure tu, se la violenza del vento t'avesse travolto in mezzo al mare, venderesti la nave, raggiunta la riva
Maybe you might be interested
Incolumi Rhodos et Mytilene pulchra facit quodpaenula solstitio, campestre niualibus auris,per brumam Tiberis, Sextili mense caminus Sano e salvo, la bellezza di Rodi e di Mitilene ti serve come d'estate un mantello o un perizoma quando tira aria di neve, un bagno nel Tevere d'inverno o un braciere nel mese d'agosto
Maybe you might be interested
Dum licet ac uoltum seruat Fortuna benignum, Romae laudetur Samos et Chios et Rhodos absens Finché è possibile e la fortuna ti sorride, Samo, Chio e Rodi è bene lodarle da lontano, a Roma
Maybe you might be interested
Tu quamcumque deus tibi fortunauerit horamgrata sume manu neu dulcia differ in annum,ut quocumque loco fueris uixisse libenterte dicas; nam si ratio et prudentia curas, non locus effusi late maris arbiter aufert,caelum, non animum mutant, qui trans mare currunt Qualunque ora lieta ti concedano gli dei prendila con riconoscenza, non rimandarne di anno in anno le gioie, e si possa dire che in ogni situazione sei vissuto volentieri; se la logica della saggezza, e non i luoghi che dominano la distesa del mare, allontana gli affanni, chi solca il mare muta cielo, non natura
Maybe you might be interested
Strenua non exercet inertia; nauibus atquequadrigis petimus bene uiuere Un'inquietudine impotente ci tormenta e andiamo per acque e terre inseguendo la felicità
Maybe you might be interested
Following pages
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 08 - Parte 02
Valerio Massimo, Detti e fatti memorabili: Libro 08 - Parte 02
Seneca, De Ira 01: 12; 01-06
Seneca, De Ira 01: 12; 01-06
Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 01 - 02
Livio, Ab urbe condita: Libro 27; 01 - 02
Virgilio, Eneide: Libro 10 - LA MORTE DI LAUSO
Virgilio, Eneide: Libro 10 - LA MORTE DI LAUSO
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 11-12-13 Parte 01
Seneca, Lettere a Lucilio: Libri 11-12-13 Parte 01
Terenzio, Adelphoe: Actus IV, 635-710
Terenzio, Adelphoe: Actus IV, 635-710
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 01-14
Plinio il Vecchio, Naturalis Historia: Libro 10, Paragrafi 01-14
Plauto, Aulularia: Actus II, 371-397
Plauto, Aulularia: Actus II, 371-397
Plauto, Aulularia: Actus I, 40-78
Plauto, Aulularia: Actus I, 40-78