Mattia Signorini: "Severo American Bar"

Mattia Signorini: "Severo American Bar"

L'opera è divisa geograficamente in tre grandi parti

in Italia; il

protagonista vive tra Rovigo e dintorni, come Stanghella e Lendinara

,dove è solito andare con gli amici di sera, e Padova, dove

frequenta l'università; è descritta anche una gita a

Torino.

Poi, in seguito ad un viaggio, in Inghilterra a Salisbury,

nel Whiltshire, con una piccola gita a Stonehenge.

Infine l'Irlanda,

dove soggiorna a Kinvara, un piccolo paesino sulla costa ovest

dell'Irlanda che si affaccia direttamente sull'oceano atlantico,

e una gita a Dublino.

Il libro narra la storia di Giulio, un giovane ragazzo di Rovigo che

frequenta l'Università a Padova, con molta voglia di

cambiare vita, città, amicizie e amori, viaggiando come fa già

da un anno il suo amico Luca, che gira l'Europa senza sosta.

Le

nuove esperienze incominciano con un viaggio a Torino di due giorni,

ma girovagando senza meta per il centro di Torino non riesce a

trovare stimoli.

Giulio

ritornato dalla gita torna alla sua vita

normale, tra lo studio, la lettura e le pedalate lungo l'argine del

fiume Adige, dove era solito andare con Luca nelle estati precedenti.

Giulio

riceve settimanalmente delle lettere dal suo amico Luca che lo

aggiorna sui suoi viaggi (Budapest e Ibiza), sulle sue esperienze di

vita e sui suoi nuovi amori, per esempio con Ingrid.

Di

sera Giulio ed i suoi amici si recano in pub o locali, come il

"Severo american bar" locale storico di Rovigo dove tutte le

domeniche sere si incontrano i giovani, e quando ci sono novità

in città, Giulio scrive a Luca per aggiornarlo.

La sua

vita cambia repentinamente quando fallisce un esame di storia e

mentre cammina sotto il sole estivo vede un annuncio;

decide di informarsi meglio: l'annuncio riguarda una vacanza a

costo zero in Inghilterra, in famiglia come baby sitter.