Igino, Fabulae: Arianna

Igino, Fabulae: Arianna

Cultura

Latino: dall'autore Igino, opera Fabulae parte Arianna

Theseus in insula Dia tempestate retentus cogitans, si Ariadnen in patriam portasset, sibi opprobrium futurum, itaque in insula Dia dormientem reliquit; quam Liber amans inde sibi in coniugium abduxit Teseo, bloccato sull'isola di Dia da una bufera, riteneva che sarebbe stato una vergogna per lui se avesse portato Arianna in patria, e in questo modo la abbandonò mentre riposava sull'isola di Dia; e in seguito Libero, amandola, la sposò
Theseus autem cum navigaret, oblitus est vela atra mutare, itaque Aegeus pater eius credens Theseum a Minotauro esse consumptum in mare se praecipitavit, ex quo Aegeum pelagus est dictum Ma Teseo, mentre viaggiava per mare, trascurò di cambiare la vela nera, e così suo padre Egeo, essendo certo che egli fosse stato ucciso dal Minotauro, si buttò in mare, ragione per cui quel mare fu chiamato Egeo
Ariadnes autem sororem Phaedram Theseus duxit in coniugium In seguito Teseo sposò Fedra, sorella di Arianna
Forse potrebbe interessarti
Igino, Fabulae: Nesso (visite 10)