Gellio, Notti attiche: Liber 16, 18-19

Gellio, Notti attiche: Liber 16, 18-19

Latino: dall'autore Gellio, opera Notti attiche parte Liber 16, 18-19

[XVIII] Lepida quaedam memoratu et cognitu de parte geometriae, quae kanonike appellatur, et item alia, quae optike, et tertia itidem, quae dicitur metrike [XVIII] Alcune cose piacevoli a ricordarsi e a sapersi sulla parte della geometria, che è detta regolare, ed anche altre, quelle ottiche, e pure una terza, che è detta metrica
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 12, 6-8

Score 5.4%

[I] Pars quaedam geometriae optike appellatur, quae ad oculos pertinet, pars altera, quae ad auris, kanonike vocatur, qua musici ut fundamento artis suae utuntur [I] E' detta ottica una certa parte della geometria, che riguarda gli occhi, un'altra parte, quella riguardo alle orecchie, è definita regolare, che i musicisti usano come base della loro arte
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 12, 1

Score 8.5%

[II] Utraque harum spatiis et intervallis linearum et ratione numerorum constat [II] Ciascuna di queste risulta di spazi ed intervalli di linee e del sistema dei numeri
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 1, 10

Score 8.3%

[III] Optike facit multa demiranda id genus, ut in speculo uno imagines unius rei plures appareant; item ut speculum in loco certo positum nihil imaginet, aliorsum translatum faciat imagines; item si rectus speculum spectes, imago fiat tua eiusmodi, ut caput deorsum videatur, pedes sursum [III] L'ottica produce molte cose sorprendenti di tal genere, cosicché in uno specchio appaiono più immagini di un oggetto; anche cosicché lo specchio messo in una certa posizione non riflette nulla; anche se tu dritto guardi lo specchio, la tua immagine diventa tale, che il capo sembra in basso, i piedi in alto
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 22

Score 16.5%

Reddit etiam causas ea disciplina, cur istac quoque visiones fallant, ut quae in aqua conspiciuntur, maiora ad oculos fiant, quae procul ab oculis sunt, minora Questa scienza fornisce anche le cause, perché qua anche le visioni ingannano, come quelle che si vedono nell'acqua, diventano più grandi agli occhi, quelle che sono lontane dagli occhi, più piccole
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 1, 24

Score 16.1%

[IV] Kanonike autem longitudines et altitudines vocis emetitur [IV] La regolare poi misura le lunghezze e le altezze del suono
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 6, 4-6

Score 2.5%

[V] Longior mensura vocis rhytmos dicitur, altior melos [V] La misura più lunga del suono si chiama ritmo, la più alta melodia
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 1, 12

Score 10.7%

Est et alia species, quae appellatur metrike, per quam syllabarum longarum et brevium et mediocrium iunctura et modus congruens cum principiis geometriae aurium mensura examinatur C'è anche un' altra specie, che è detta metrica, attraverso cui sono esaminati con la gradazione delle orecchie le combinazioni delle sillabe lunghe e brevi e medie e la misura che concorda con i principi della geometria
Maybe you might be interested
Gellio, Notti attiche: Liber 2, 9-13

Score 9.6%

[VI] "Sed haec" inquit M [VI] "Ma o non apprendiamo affatto queste cose -dice M
Varro "aut omnino non discimus aut prius desistimus, quam intellegamus, cur discenda sint Varrone- o rinunciamo prima, che capiamo, perché si debbano imparare