Gaio Valerio Catullo: riassunto della biografia

Gaio Valerio Catullo: riassunto della biografia

Catullo visse nel I sec. a.C. tra Cesare e Ottaviano;

Gaio Valerio Catullo (84 - 54 a.C.). apparteneva alla corrente letteraria dei “poetae novi”, dove affluivano persone di una certa classe: essi si definivano anti-Cesariani, avanguardisti, “anarchici”, e si tenevano volontariamente lontano dalla vita politica e sociale, distaccandosi dalle antiche tradizioni, cambiando lo stile per i propri componimenti e rifugiandosi in un mondo non meno affascinante di quello reale: le loro poesie, infatti, si basavano su argomenti di tipo storico o epicureo, ma il loro argomento principale era l’AMORE.
Di famiglia nobile, Catullo si trasferì da ragazzo dal Garda a Roma e qui restò subito affascinato dalle “novità cittadine”; la sua breve vita, di soli trent’anni, è stata molto tormentata a causa del suo amore per Clodia (gens Claudia), sorella di Clodio e alleato di Cesare.
Questa relazione amorosa è stata per Catullo molto sofferta e insoddisfacente, tanto che troverà ricambio solo alla fine. A Clodia viene attribuito dal poeta il nome di Lesbia, ripreso dall’isola di Lesbo, paese di provenienza della poetessa Saffo.
Questi poeti avevano nella loro vita privata, un misto di intrighi e di passioni amorose, spesso con donne sposate o matrone, che mascheravano ad “opera d’arte” attraverso travestimenti letterari che smentivano ogni “malinteso”.
Quando Catullo muore nel 54 a.C., porta con se le continue sofferenze legate alle “allegrie” della sua amata; ma ci lascia anche un’opera monumentale, il Liber, nel quale usa una lingua più ricercata e rappresentato inoltre qualche mito. Nelle sue poesie, Catullo mette la sua stessa esperienza di vita, utilizzando un linguaggio apparentemente semplice, ma frutto di studi approfonditi e di un lavoro attento, con una continua revisione del testo; c’è un labor lime elaborato e curato nei minimi dettagli, al fine di conferire all’opera la forma migliore.
Per comprendere meglio la poesia catulliana, bisognerebbe avere qualche conoscenza sulla poesia greca callimachea, alla quale il poeta fa molto riferimento,Catullo infatti è il primo vero poeta romano, incentrando la propria poesia sull’io: tutte le tecniche usate nei carmina catulliani richie-devano grande conoscenza dei versi di Callimaco, che ruotavano intorno a due punti focali. Uno riguardante la presenza di temi privati riguardanti l’amicizia, la famiglia, la vita privata; l’altro invece, riguardo la raffinatezza stilistica, il labor lime che si cela dietro ogni componimento che, anche se di poche parole, racchiude un grande significato.
Tutta la poetica viene inoltre influenzata dalle condizioni storiche: ci troviamo in età cesariana e Roma era diventata il centro culturale del mondo, una città cosmopolita; Catullo sceglie di utilizzare il carattere epigrammatico nelle sue poesie: l’epigramma veniva prima usato come incisioni poste sulle lipidi delle tombe, ora invece viene usato per fare inviti, auguri; lo schema principale dell’e-pigramma si basa sull’ingegnosità creata dall’autore che racchiudeva in pochi versi un messaggio, sì breve, ma che doveva colpire il lettore destandogli curiosità.
Following pages
Introduzione all’entomologia
Introduzione all'entomologia
Dal neoatticismo al neoellenismo
Dal neoatticismo al neoellenismo
Amleto: riassunto breve in italiano
Amleto: riassunto breve in italiano
Filosofia di Fichte: riassunto
Filosofia di Fichte: riassunto
Approccio comunicazionale
Approccio comunicazionale
Seneca il Vecchio
Seneca il Vecchio
Antonio Canova: biografia breve
Antonio Canova: biografia breve
Da Gutenberg al libro elettronico. Modi e strumenti della comunicazione: saggio breve
Da Gutenberg al libro elettronico. Modi e strumenti della comunicazione: saggio breve
Metodi di deuterazione
Metodi di deuterazione