Etica epicurea: riassunto

Etica epicurea: riassunto

Tutta la speculazione precedente è finalizzata all'etica che consiste nell'indicare la strada per la felicità

. Per gli Epicurei la felicità consiste nel piacere che è il godimento dei sensi. Vi sono due specie di piaceri:
- Piacere stabile: consiste nella privazione del dolore sia su piano fisico (dolore fisico) sia quello psicologico (turbamenti interiore).
- Piacere in movimento: consiste nel godimento dei sensi che non si mantiene costante nel tempo perchè può esserci oppure no.
La felicità consiste solo nel piacere stabile ed è quindi definita come aponia (da “a-ponos”: senza dolore) e atarassia (=senza turbamento). Per raggiungere la condizione della felicità bisogna limitare al minimo i bisogni. Il culmine del piacere è la distruzione del dolore. Non c'è nulla di positivo nel senso matematico del termine nel piacere.  E' opportuno distinguere i bisogni (il loro mancato soddisfacimento può provocarne la morte) dai desideri.

È importante ridurre al minimo le proprie aspettative, circoscrivere i propri bisogni. Ciò di cui sentiamo l'esigenza non sempre corrisponde ad un bisogno  (come nutrirsi o dormire). Nel 1900 un sociologo di nome Maslow ha classificato i bisogni, il cui ordine non è casuale:
1)    bisogni fisiologici: mangiare, dormire...
2)    bisogni di salvezza: sono le precauzioni contro le minacce dell'ambiente in cui si vive)
3)    bisogni di appartenenza: nessuno si sente a proprio agio da solo
4)    bisogni di stima: ambito che riguarda soltanto gli uomini
5)    bisogni di auto realizzazione: per dare un senso alla propria vita.

Forse solo i primi due sono bisogni il cui soddisfacimento è essenziale. Epicuro distingue i bisogni:
- Bisogni naturali: alcuni sono necessari (mangiare) altri no (mangiare troppo
- Bisogni vani: non sono necessari e vanno rimossi
L'accorto calcolo dei piaceri può far si che l'uomo basti a se stesso e non divenga schiavo dei bisogni. La saggezza è dunque la condizione stessa della felicità in quanto è in grado di calcolare la quantità dei piaceri per raggiungerla. Epicuro parla di carattere sensibile del piacere, forzando l concetto per opporsi alla teoria di Aristotele. Aristotele diceva che lo stile di vita più nobile è quello del filosofo, colui che contempla la verità. Gli Epicurei vedono la sensazione come criterio della verità. Lo stesso appagamento che si ha contemplando la verità è riconducibile alla speranza di esperire il piacere.  
L'amicizia nasce dall'utile ma è un bene di per sé. La saggezza è il comportamento da tenere ed è comunque preferibile una saggezza sfortunata ad una stoltezza fortunata.

Following pages
Uroflussimetria e urodinamica
Uroflussimetria e urodinamica
Riassunto su Plinio il giovane
Riassunto su Plinio il giovane
Analisi Passaggio in India
Analisi Passaggio in India
Il Romanticismo in pedagogia: riassunto
Il Romanticismo in pedagogia: riassunto
Otello: analisi del testo
Otello: analisi del testo
Eschilo: vita e opere riassunto
Eschilo: vita e opere riassunto
Andrea Mantegna: riassunto
Andrea Mantegna: riassunto
Fasce e logge del corpo
Fasce e logge del corpo
Grandi Idilli: riassunto
Grandi Idilli: riassunto
In evidence
a volte la miglior amica di me stessa
2
Prime lezioni di golf
1 0