Descrizione della corrosione, elettroerosione e lavorazioni non tradizionali

Descrizione della corrosione, elettroerosione e lavorazioni non tradizionali

CORROSIONE: Perdita di materiale da parte di un oggetto a causa di reazioni chimiche tra il materiale e l’ambiente in cui si trova

Per ambiente s'intende: aria, vapore, acqua o altri liquidi, terreno o contatto con altri materiali. Per proteggere dalla corrosione i metalli si possono fare: Lega con altri metalli, rivestimento di zinco, verniciatura o protezione galvanica.

PROTEZIONE DEL FERRO DALL'OSSIDAZIONE: Coppie Galvaniche: Diversa elettronegatività dei materiali nei confronti dell'ossigeno. Verniciatura: (protezione fisica) Lo strato verniciato, svolge il compito di impedire il contatto tra elementi ossidanti/corrosivi e il materiale sottostante. Nei casi precedenti la protezione del materiale si verifica

Anche in presenza dei punti di discontinuità in quanto la protezione è di tipo chimico.

 I diversi tipi di corrosione

CORROSIONE ELETTROCHIMICA: Il materiale che si comporta anodicamente (funge da anodo)+anod- Catodo subisce una corrosione di tipo elettrochimica o galvanica. La V di corrosione è elevata quanto più è elevata la differenza tra i due metalli. Situazione molto comune visto che 2 metalli si possono spesso trovare in un ambiente umido percorse anche solo da correnti vaganti.

 La corrosione in chimica

ELETTROEROSIONE: Può essere a tuffo (con elettrodo in rame o in grafite) o a filo. Si sfrutta la capacità termodinamica di asportazione di materiale da parte di scariche elettriche. Non ci sono limiti di durezza lavorabile. Unico limite è la conducibilità elettrica del materiale da lavorare. 

 Le tipologie di corrosione