Cicerone, Paradoxa Stoicorum: 06; 42-52

Cicerone, Paradoxa Stoicorum: 06; 42-52

Latino: dall'autore Cicerone, opera Paradoxa Stoicorum parte 06; 42-52

Quod solus sapiens dives Solamente il sapiente è ricco
Maybe you might be interested
[42] Quae est ista in commemoranda pecunia tua tam insolens ostentatio [42] Che cosa vuol dire questo tuo svergognato esibizionismo nel ricordare continuamente i tuoi soldi
Maybe you might be interested
Solusne tu dives Sei ricco solamente tu
Maybe you might be interested
Pro di immortales Per gli dèi immortali
Maybe you might be interested
Egone me audisse aliquid et didicisse non gaudeam Io non dovrei godere di quello che ho studiato e imparato
Maybe you might be interested
Solusne dives Soltanto tu sei ricco
Maybe you might be interested
Quid, si ne dives quidem E cosa faresti se ti dicessi che tu non sei neanche ricco
Quid, si pauper etiam Che sei addirittura povero
Quem enim intellegimus divitem aut hoc verbum in quo homine ponimus Chi, infatti, definiamo ricco o per quale tipo di individuo usiamo questa definizione
Opinor in eo, quoi tanta possessio sit, ut ad liberaliter vivendum facile contentus sit, qui nihil quaerat, nihil appetat, nihil optet amplius Stimo che ciò vada fatto per chi detiene già tanti beni da esserne sicuramente felice per vivere in un modo degno di un uomo libero e per chi non domanda, non va a cercare, non desidera più di ciò che ha