Cicerone, In Verrem: 02; 04-126-130

Cicerone, In Verrem: 02; 04-126-130

Culture.

Latino: dall'autore Cicerone, opera In Verrem parte 02; 04-126-130

[126] Nam Sappho quae sublata de prytanio est dat tibi iustam excusationem, prope ut concedendum atque ignoscendum esse videatur [126] Infatti Saffo che è stata tolta dal pritaneo, ti dà una scusa ben fondata, tanto da sembrare essere ammissibile e perdonabile
Silanionis opus tam perfectum, tam elegans, tam elaboratum quisquam non modo privatus sed populus potius haberet quam homo elegantissimus atque eruditissimus, Verres Unopera di Silanione così perfetta, così elegante, così elaborata non poteva averla non un privato, ma piutttosto un popolo anziché un uomo molto elegante e molto erudito come Verre
Nimirum contra dici nihil potest Non ci sono obiezioni, non si può dire nulla
Nostrum enim unus quisque, qui tam beati quam iste est non sumus, tam delicati esse non possumus, si quando aliquid istius modi videre volet, eat ad aedem Felicitatis, ad monumentum Catuli, in porticum Metelli, det operam ut admittatur in alicuius istorum Tusculanum, spectet forum ornatum, si quid iste suorum aedilibus commodarit: Verres haec habeat domi, Verres ornamentis fanorum atque oppidorum habeat plenam domum, villas refertas Infatti, ciascuno di noi, che non siamo così agiati come costui, non possiamo essere così delicati, se vorrà vedere un qualcosa di questo livelllo, andrà al tempio della Felicità, al monumento di Catulo, al portico di Metello, si dia da fare per essere ammessi nelle ville di questi tusculani, si guardi il loro ornato, se coatui ha prestato qualcosa delle sue agli edili: Verre abbia queste cose a casa sua, Verre abbia la casa piena, le ville stracolme di ornamenti di santuari e città
Etiamne huius operari studia ac delicias, iudices, perferetis E sopporterete ancora a lungo, o giudici, le predilezioni, le rafinatezze di questo manovale
qui ita natus, ita educatus est, ita factus et animo et corpore ut multo appositior ad ferenda quam ad auferenda signa esse videatur Che per nascita, che per educazione, per le attitudini morali e fisiche sembra essere molto più adatto a portarsi le statue che non a portarle via per goderne
[127] Atque haec Sappho sublata quantum desiderium sui reliquerit, dici vix potest [127] A stento si può dire quanto rimpianto abbia lasciato il furto sdi questa statua
Nam cum ipsa fuit egregie facta, tum epigramma Graecum pernobile incisum est in basi, quod iste eruditus homo et Graeculus, qui haec subtiliter iudicat, qui solus intellegit, si unam litteram Graecam scisset, certe non sustulisset Infatti da una parte essa stessa era stata costruita con grande maestria, dallaltra una celeberrima iscrizione greca era stata incisa sul piedistallo per il fatto che questuomo erudito e greculo, che giudica in maniera sottile, che è il solo intenditore, se avesse saputo una sola parola greca, certamente avrebbe fatto portar via anche quella (iscrizione)
Nunc enim quod scriptum est inani in basi declarat quid fuerit, et id ablatum indicat Ora infatti ciò che è scritto sul piedistallo vuoto indica chiaramente che cosa cera sopra e ne denuncia il furto
Quid Che cosa