Cicerone, In Verrem: 01; 06-10

Cicerone, In Verrem: 01; 06-10

Culture.

Latino: dall'autore Cicerone, opera In Verrem parte 01; 06-10

[6] Quae cum ita sint, iste homo amens ac perditus alia mecum ratione pugnat [6] In una situazione come questa, per combattermi questindividuo folle e perduto sappiglia a unaltra tattica
Non id agit, ut alicuius eloquentiam mihi opponat; non gratia, non auctoritate cuiusquam, non potentia nititur Non fa in modo di opporre alla mia leloquenza di qualcun altro; né sappoggia al credito, allautorità, alla potenza di nessuno
Simulat his se rebus confidere, sed video quid agat (neque enim agit ocultissime); proponit inania mihi nobilitatis, hoc est, hominum adrogantium, nomina; qui non tam me impediunt quod nobiles sunt, quam adiuvant quod noti sunt Fa sì finta di aver fiducia in tali aiuti, ma le sue vere intenzioni le vedo bene (dato che si comporta in un modo tanto scoperto);va sbandierando nomi, per me assolutamente senza valore, di membri della nobiltà, cioè di persone piene darroganza, sicché lostacolo che mi viene dalla loro nobiltà è inferiore allaiuto che mi viene dalla loro notorietà
Simulat se eorum praesidio confidere, cum interea aliud quiddam iam diu machinetur Fa finta però davere fiducia nellaiuto di costoro, poiché in realtà nel frattempo va macchinando già da un pezzo un altro colpo
Quam spem nunc habeat in manibus, et quid moliatur, breviter iam, iudices, vobis exponam: sed prius, ut ab initio res ab eo constituta sit, quaeso, cognoscite Quali siano attualmente le sue speranze e quali le sue trame, ve le dirò subito, signori giudici, e in breve: prima però vi prego di ascoltare come egli ha sin da principio organizzato il suo piano
Ut primum e provincia rediit, redemptio est huius iudici facta grandi pecunia Appena tornato dalla sua provincia, Verre saccordò per corrompere con unenorme somma di denaro i giudici di questo processo
Mansit in condicione atque pacto usque ad eum finem, dum iudices reiecti sunt Le condizioni di questo patto rimasero valide fino al momento della recusazione dei giudici
Postea quam reiectio iudicum facta est quod et in sortitione istius spem fortuna populi Romani, et in reiciendis iudicibus mea diligentia, istorum impudentiam vicerat renuntiata est tota condicio Dopo lespletamento di questa formalità- poiché il sorteggio aveva, grazie alla buona stella del popolo romano, annullato tutte le speranze di costui e la recusazione dei giudici, grazie al mio attivo intervento, aveva visto la sconfitta dellimpudenza dei corrotti-laccordo fu annullato in tutte le sue parti
Praeclare se res habebat Tutto andava a meraviglia
Libelli nominum vestrorum, consilique huius, in manibus erant omnium Lelenco dei vostri nomi, lelenco dei membri di questo collegio giudicante era nelle mani di tutti
Maybe you might be interested
Cicerone, In Verrem: 02; 36-40 (visits 8)