Carlo Goldoni: vita e la riforma del teatro

Carlo Goldoni: vita e la riforma del teatro

Carlo Goldoni nasce a Venezia nel 1707 dal medico Giulio e Margherita Salvioni

Trascorso nella città natale il periodo della fanciullezza,nel 1719 Carlo segue nelle peregrinazioni il padre,trasferitosi a Perugia. Nella città umbra,il giovane studia retorica e grammatica presso i gesuiti;nel 1720 viene inviato a Rimini dove si dedica alla filosofia. L'anno successivo fugge dalla scuola approfittando del passaggio della Compagnia dei Comici Napoletani di Florido Maccheroni e al loro seguito torna via mare a Chioggia,dove risiede la madre. Goldoni intraprende una vita vagabonda e itinerante sui palcoscenici di provincia. Si spinge ad Udine e a Gorizia,poi ritorna a Chioggia dove ottiene di essere assunto all'interno della cancelleria criminale del Podestà. In seguito alla morte improvvisa del padre,la famiglia si trasferisce a Venezia e a Padova.

Maybe you might be interested
La Locandiera di Goldoni: riassunto e analisi

Nel 1733 lo troviamo a Milano dove si rifugia per sfuggire a un matrimonio indesiderato e a creditori. Riprende a calcare i palcoscenici dell'Italia settentrionale fino al 1734,anno in cui ritorna a Venezia. Nel 1736 sposa Nicoletta Connio e la coppia si trasferisce a Venezia. Comincia quindi nel 1748 la vita di professionista teatrale sello scrittore. Goldoni progetta e realizza sedici commedie a partire dal teatro comico che ha la funzione di un vero e proprio manifesto del proprio progetto teatrale e poetico:lo scrittore esprime il proprio programma che si propone di mettere in scena la realtà contemporanea e vicende verosimili. Nel 1753 va in scena la commedia che da molti viene considerata  il capolavoro di Goldoni: la Locandiera, che incarna gli aspetti della riforma teatrale e la concezione filosofica ed estetica.

Maybe you might be interested
La riforma goldoniana del teatro: riassunto

In seguito alla rottura dei rapporti con la compagnia teatrale Goldoni stipula un contratto con il teatro San Luca. I primi cinque anni rappresentano un periodo di grande produttività creativa. La commedie goldoniane di questo periodo si contraddistinguono per la comparsa di caratteri anche anomali e originali e per la ricerca dell'evasione soprattutto nell'esotico. Fra il 1758 e il 1762 Goldoni attraversa uno dei periodi più travagliati della sua vita di artista. Il veneziano Carlo Gozzi inaugura un'aspra polemica contro di lui. Goldoni, sofferente di depressione,lascia Venezia per Roma.

Maybe you might be interested
Goldoni: riassunto della vita e opere

Nell'anno 1762 l'autore parte con la moglie per Parigi. Nella capitale francese l'ambiente teatrale è ancora dominato dalla Commedia dell'arte. A partire dal 1784 lo scrittore si dedica alla stesura dei Memoires,documento autobiografico e testimonianza sulla realtà del teatro. Goldoni muore a Parigi nel 1793.

Il teatro comico e la poetica della riforma goldoniana.

Nel 1750 Goldoni ha ben chiari i capisaldi della propria riforma teatrale. Proprio per renderli espliciti,il commediografo scrive il Teatro Comico,una sorta di commedia nella commedia. Tipicamente illuminista è la concezione goldoniana che chiede di fondare l'opera d'arte su una poetica razionale,chiara,ben definita ed esplicitamente dichiarata.

Maybe you might be interested
La Riforma della Commedia di Goldoni: riassunto

Maybe you might be interested
Goldoni e La Locandiera

Maybe you might be interested
Carlo Goldoni: riassunto della vita e opere

Maybe you might be interested
Carlo Goldoni, la vita: riassunto

Maybe you might be interested
La commedia dell’arte e Goldoni